Coppa del mondo in canoa: medaglia d’argento per un giovane meridionale

Il prossimo anno, Samuele Burgo e il suo compagno saranno tra i protagonisti annunciati delle Olimpiadi di Tokio nel K2 1.000



Il Sud lascia sempre il suo segno, anche in giro per il mondo. In ogni settore ci sono eccellenze importanti, che raggiungono traguardi notevoli e regalano notorietà a tutto il Meridione. Dalla scienza, alla medicina, allo sport: i meridionali conquistano record in tutti gli ambiti. In questo articolo vi parliamo dell’impresa di uno sportivo, che ha conquistato la medaglia d’argento nella canoa in coppa del mondo a Szeged, in Ungheria.

Si tratta del siracusano Samuele Burgo. Nella giornata di ieri, domenica 27 settembre, infatti, l’atleta del gruppo sportivo delle Fiamme Gialle nella gara del K2 K2 1000mt, ha centrato il secondo posto (con il compagno di barca Luca Beccaro) chiudendo in 3’21″41, battuti di 1″12 dal duo transalpino composto da Cyrille Carre ed Etienne Hubert. Completano il podio, staccati di 1″51, gli iberici Francisco Cubelos ed Inigo Pena.

Un argento prestigioso per i due italiani. Il prossimo anno, Samuele Burgo e Beccaro saranno tra i protagonisti annunciati delle Olimpiadi di Tokio nel K2 1.000. Sul suo profilo Facebook, Samuele ha pubblicato un post in cui gioisce del risultato raggiunto: “Silver medal k2 1000mt World cup Szeged 2020. Giornata fantastica e performance quasi perfetta, dopo una stagione molto incerta siamo arrivati all’obiettivo finale. In questa pazza stagione voglio ringraziare la mia famiglia e tutte le persone a me vicine. Ovviamente il grazie principale va a @lucabecc perfetto compagno di barca in cui ho sempre creduto e apprezzato tutte le sue qualità in barca e fuori. Infine oggi pomeriggio un ottimo 5 posto in k1 5000. Goodbye 2020 season”.

Una grande soddisfazione per Siracusa e per tutta l’Italia, arrivata dopo un periodo, quello del lockdown per l’emergenza Coronavirus, che ha tenuto in stand-by tutte le attività, comprese appunto quelle sportive. Ora è il momento di esultare, con la speranza che arrivino presto, in tutti i settori, tante altre soddisfazioni.