‘Estasi’, la mostra di Marina Abramović in un antico castello del Sud

Dopo la tappa alla Pinanoteca Amrbosiana di Milano l'opera del tutto singolare dell'artista serba è arrivata in una città meridionale

Marina Abramović, "The Artist is present" (2010)


Ieri sera nel castello più antico di una città meridionale si è inaugurata la mostra “Marina Abramović  – Estasi”, che è stata aperta al pubblico da oggi 18 settembre. Il grande evento tanto atteso è arrivato a Castel dell’Ovo della città di Napoli, che ospita le opere dell’artista internazionale nella “Sala delle Carceri”, luogo che in passato era una galera. La mostra di Marina Abramović rappresenta un simbolo di ripartenza per la città partenopea a seguito del lockdown, e si svolgerà nel rispetto di tutte le misure di sicurezza anti-contagio.

Dopo la tappa alla Pinanoteca Amrbosiana di Milano l’arte del tutto singolare dell’artista serba è arrivata nel capoluogo campano: nella splendida cornice di Castel dell’Ovo sarà possibile ammirare l’opera dedicata alla santa spagnola promossa da VanitasClub e curata da Casa Testori. La mostra vedrà la proiezione di “The Kitchen. Homage to Saint Therese”, un ciclo di tre video in cui Marina Abramović si relaziona con Santa Teresa d’Avila, una delle figure più importanti della Riforma Cattolica grazie alla sua attività di scrittrice, fondatrice delle monache, dei frati Carmelitani Scalzi e di diversi monasteri in Spagna.

Attiva fin dagli anni Sessanta, l’artista serba naturalizzata statunitense si è autodefinita come la “nonna della performance art”: il suo originale lavoro esplora le relazioni tra l’artista e il pubblico, focalizzandosi in particolar modo sul contrasto tra i limiti del corpo e le possibilità della mente. Non è la prima volta che Marina Abramović espone le sue opere a Napoli: già nel 1974 la celebre artista di Belgrado tenne, presso la Galleria Studio Morra, la sua performance conosciuta in tutto il mondo “Rhytm 0”, uno spettacolo in cui si presentò al pubblico immobile davanti ad un tavolo con oggetti di vario tipo, che gli spettatori potevano utilizzare a proprio piacimento.

Nella mostra inaugurata a Napoli, in cui l’artista non sarà presente, i tre video traggono ispirazione dai Diari di Santa Teresa d’Avila. In questa performance la cucina ha un ruolo fondamentale: nei Diari, infatti, viene raccontato come la santa spagnola avesse le sue visioni mistiche in cucina, mentre preparava i suoi piatti. Nei video presentati nella città partenopea si racconta tutto il percorso che l’artista compie per raggiungere l’estasi, come la santa. La mostra a Napoli “Marina Abramović  – Estasi” si terrà dal 18 settembre al 17 gennaio 2021 a Castel dell’Ovo.