venerdì, Febbraio 23, 2024
[rank_math_breadcrumb]

La Cappella delle Tre Vergini, al Sud un luogo di fede immerso nel verde

Il Sud possiede tantissimi luoghi particolari, molti dei quali immersi nel verde: riserve naturali, parchi e tanti altri posti simili. In questo articolo vi parliamo di un luogo molto speciale, perché misterioso: si trova nel Parco dei Nebrodi, in contrada Acquasanta, nel territorio del comune di Tortorici, in provincia di Messina. Qui, infatti, sorge la Cappella delle Tre Vergini. Questa “cappella” è situata a circa 1200 metri sul pendio di Monte Trearie, e si presenta come una semplicissima casetta rustica caratterizzata dalla presenza sul tetto di una piccola croce di ferro.

Al suo interno c'è un altare con una piccola pozza d’acqua sulfurea, vasi di fiori, molte immagini sacre e due panche. Accanto c'è un piccolo locale dove pendono dai muri degli ex voto. Su questa chiesetta ci sono molte leggende, tramandate per lo più dal prete del posto. Secondo la leggenda, una giovane donna aveva tre figlie e, rimasta vedova, volle risposarsi con un uomo ricco ma privo di buon senso.

Il patrigno desiderava le tre fanciulle, le provocava e le minacciava, dicendo loro che se non si fossero concesse a lui le avrebbe uccise. Così la madre, per proteggerle, le nascose a tutti, in una capanna nel bosco. Ogni giorno andava da loro di nascosto per portare il cibo, segnando la strada con dei castelletti, per ricordare la via. Il caso volle, però, che il patrigno, appassionato di caccia, si trovò un giorno tra quei boschi e scovò il nascondiglio delle sue figliastre. Così, senza pensarci più di una volta, ne uccise due, mentre la terza morì di crepacuore.

Il sangue delle fanciulle si trasformò in acqua, quella dell’attuale pozza d’acqua custodita dal piccolo casolare che è stato eretto dopo in memoria delle fanciulle e che oggi è possibile ammirare. Ora il casolare (che dall'esterno sembra una semplice casetta di campagna) conserva due stanze, una che ha l’altarino con la piccola pozza d’acqua sempre fresca, e l’altra piena di oggetti lasciati dai fedeli.

E' una chiesetta davvero molto caratteristica, peccato però che sia molto difficile raggiungerla, sia per il sentiero percorribile solo a piedi, in mountain bike o a cavallo, sia per la mancanza di segnaletica e di guide.