sabato, Luglio 24, 2021
HomeRegione SiciliaSi arrampica sul balcone e salva 4 bambini: operaio del Sud ha...

Si arrampica sul balcone e salva 4 bambini: operaio del Sud ha commosso l’Italia

Appena ha sentito le urla dei bambini si è precipitato e ha visto le fiamme: li ha salvati tutti e quattro

E’ diventato un eroe e il suo gesto ha commosso l’Italia intera. Nunzio Mogavero, un forestale siciliano di 49 anni, ha salvato la vita di quattro bambini a Isnello, nelle Madonie. L’uomo, infatti, ha sentito delle urla disperate provenienti da un appartamento del centro storico vicino a una chiesa dove si stava celebrando un funerale. Subito dopo, ha notato le fiamme.

Così, senza pensarci due volte, il 49enne si è arrampicato su un balcone e ha strappato i bimbi dalle fiamme di un incendio. Per Nunzio, però, il suo gesto non ha nulla di eclatante: “Non ho fatto nulla di speciale, solo quello che mi sentivo. Quando ho sentito quelle grida, non ci ho pensato due volte e immediatamente sono corso verso quella casa che andava in fiamme”. 

Il forestale, al momento del rogo, si trovava ad un funerale, e con lui c’era anche un carabiniere in ferie, Francesco Fina. I due hanno sentito le urla e sono intervenuti subito. Ai microfoni di Adkronos, Mogavero ha raccontato l’episodio: “Dal portone di ingresso non si poteva entrare. Ho visto che c’era il tubo della grondaia e con l’aiuto di Francesco mi sono arrampicato”.

Nunzio da 20 anni lavora nell’anticendio boschivo. Ha messo in salvo tre dei quattro bimbi, poi si è ferito alla gamba e stava andare via, quando ha sentito la voce di un’altra bambina: “Non riuscivo a vederla. La casa era piena di fumo e lei si era nascosta dietro a una pianta. Ho seguito la sua voce e quando finalmente l’ho vista, l’ho presa in braccio e l’ho calata dal balcone”. La mamma dei bambini lo ha chiamato per ringraziarlo: “Mi ha telefonato e mi ha detto ‘Ti sarò grata per tutta la vita’. Le ho risposto che non avevo fatto nulla di speciale”.

Una bellissima storia che ha fatto il giro di tutta l’Italia.

LEGGI ANCHE...