La guida turistica più importante al mondo: “Al Sud tradizione e accoglienza sincera”

Lonely Planet è considerata la guida turistica più importante del pianeta



La guida turistica più famosa al mondo arriva in Italia e fa tappa al Sud, in Campania, esplorando dei luoghi meno conosciuti ma altrettanto belli. Si tratta del team di Lonely Planet, che promuove il turismo responsabile, e stavolta lo fa attraversando la Campania da vie secondarie, lontano dalla grandezza di Napoli e della Costiera, per scoprire le bellezze paesaggistiche, gastronomiche e culturali dell’Irpinia e del Sannio.

Un viaggio emozionante, penultima tappa di quello che sta svolgendo in tutta la Penisola. Un messaggio importante anche per il turismo, che sta vivendo un periodo molto difficile dopo il lockdown del Coronavirus: “Sarà una stagione irripetibile, sia perché avremo l’occasione di concentrarci sui luoghi sino ad oggi meno frequentati, ma anche perché potremo visitare quelli più noti in una fase forse meno fitta di turisti”, ha spiegato Angelo Pittro, direttore di Lonely Planet Italia all’Ansa.

Lonely Planet, come specifica Avellino Today, è una casa editrice australiana che diffonde guide turistiche in tutto il mondo, e secondo molti esperti è la più importante del pianeta.

Avellino, la città che si adagia elegante in una conca pianeggiante ai piedi del Monte Partenio, che custodisce alcuni dei borghi più belli del nostro paese – scrive la guida. Summonte è uno di questi e il sentiero che porta fino a Campo San Giovanni rivela la dorsale appenninica di questo territorio. Un angolo di Campania segreta dove, tra boschi di castagno e faggio, si passeggia, si fa trekking, si assaggiano i vini locali (l’Aglianico e il Fiano di Avellino) e il tartufo nero del Partenio”.

Lonely Planet è partito dalla funivia del Monte Bianco il 29 giugno, poi ha raggiunto le seguenti destinazioni: Aosta romana e Forte di Bard, in Valle d’Aosta; Monferrato, Langhe e Roero, in Piemonte; Ferrara, Comacchio, Pomposa, Ravenna e Rimini, in Emilia Romagna; poi giù nelle Marche, con Ascoli Piceno, Grotte di Frasassi, il lago di Fiastra e Urbino; in Toscana, toccando la Versilia, l’Isola d’Elba e la Maremma. Dopo la Campania ci sarà l’ultima tappa in Basilicata.