La classe migliore d’Italia si trova al Sud: record di 100 per gli studenti

Grande soddisfazione per questi giovani meridionali, che hanno ottenuto il miglior risultato d'Italia



Un’estate da ricordare, in tutti i sensi, per una classe di liceali di una scuola meridionale. Nonostante questa strana maturità, arrivata in emergenza Coronavirus, e che nessuno dimenticherà mai, gli studenti del Sud sono riusciti a distinguersi, in meglio, rispetto al resto d’Italia. I liceali dell’Istituto Ernesto Pascal, un liceo scientifico di Pompei, in provincia di Napoli, sono stati infatti i più bravi d’Italia.

Il liceo napoletano è risultato il migliore del Paese nelle votazioni finali ottenute dagli studenti. In classe dell’Istituto, infatti, la quinta A, sono stati 9 i ragazzi a maturarsi con 100, di cui quattro anche con la lode. In nessun’altra scuola d’Italia c’è stata una così cospicua concentrazione di “cervelli”.

Lo ha stabilito uno studio sui dati degli esami appena conclusi: i numeri sono stati forniti dai dirigenti scolastici regionali al ministero dell’Istruzione. In Italia, la media dei 100, è in generale di due, al massimo tre per classe. E’ evidente, quindi, che il risultato degli studenti di Pompei sia davvero encomiabile. Anche la Preside, come riporta Il Mattino, si dice “orgogliosa” dei suoi ragazzi che “portano in alto il nome del nostro istituto e di tutta la città degli Scavi e del Santuario”.

Questi ragazzi napoletani si sono distinti per impegno e capacità, ottenendo una media voto altissima: 90,84%. Questi i nomi degli studenti del Liceo Scientifico “Ernesto Pascal” che hanno conseguito il 100 e Lode: Carolina D’Aquino, Riccardo Tonno, Chiara Cimmarrusti e Rosalaura Pinto. Si sono diplomati con la votazione di 100 su 100 Antonio Carotenuto, Valerio Domenico Conte, Simona Perna, Mariavittoria Sicignano, Alessia Vangone.

Una soddisfazione immensa per questi giovani del Sud che, come i loro coetanei di tutta Italia, hanno affrontato la prima grande tappa della loro vita in un momento inedito e tragico per il Paese e il mondo intero. Ma, nonostante questo, sono riusciti a brillare e farsi valere.