Coronavirus, il virologo: “E’ diventato come un’influenza, presto può sparire da solo”

Secondo il virologo meridionale, il virus starebbe diventando meno aggressivo, tanto che potrebbe sparire presto autonomamente, anche prima del vaccino

sanità


Il presidente della Società Italiana di Virologia, il calabrese Arnaldo Caruso, in un’intervista a La Gazzetta di Mantova ha espresso la sua prestigiosa opinione sul virus e la sua evoluzione, oltre che sulle armi attualmente nelle mani dei cittadini per limitare i contagi, ovvero mascherine e distanziamento sociale.

Secondo il virologo meridionale, il virus starebbe diventando meno aggressivo, tanto che potrebbe sparire presto autonomamente, anche prima del vaccino. I tempi? Entro l’estate il problema potrebbe già essere alle spalle: “I contagi sono nettamente in calo e il virus non è più aggressivo. Aspettiamo ancora una settimana per prudenza, ma a giugno potrebbero non essere più necessarie mascherine, distanze e sanificazioni”.

Il virus, infatti, starebbe perdendo la sua iniziale carica virale, e questo sarebbe evidenziato non solo dai contagi, ma anche dai tamponi: “Non solo calano i contagi, ma anche la carica virale che troviamo nei tamponi. I pochi casi positivi rimasti sono portatori quasi sani del virus e con scarsa capacità di trasmetterlo. Il decorso della malattia è diventato tranquillo, ora sì che si può paragonarla a un’influenza“.

Come mai è successo questo? E’ probabile che il Coronavirus si sia indebolito perché adattatosi all’uomo, e il caldo estivo e le restrizioni anti-contagio hanno fatto il resto. E per quanto riguarda la seconda ondata? Alcuni esperti sostengono che potrebbe esserci, altri la escludono. Secondo Caruso è imprevedibile: “Da qui all’autunno il virus potrebbe avere ulteriori ricombinazioni e ripresentarsi più innocuo o aggressivo. In genere però dovrebbe smorzarsi”.

Infine, Caruso prova a definire una data in cui, se confermato il calo dei contagi, ci si potrà dire certi di aver lasciato il virus alle spalle: “A quel punto si potrà stare davvero tranquilli. Nei mesi scorsi si è fatto un po’ di terrorismo quando il virus era pericoloso, ora consentiamoci una punta di ottimismo. Per esempio le sanificazioni, le distanze e le mascherine a giugno potrebbero non servire più”.

Foto: immagine di repertorio

ULTIMO AGGIORNAMENTO