Fase 2, riaprono gli Scavi di Pompei: tutte le novità da non perdere

Il prezzo del biglietto per visitare le meraviglie dell'antico sito archeologico nella prima fase sarà ridotto e gli ingressi saranno monitorati con le apposite misure di sicurezza

Scavi di Pompei


Manca poco alla ripartenza di uno dei siti archeologici del Meridione più belli di tutto il mondo. Stiamo parlando degli Scavi archeologici di Pompei che dal 26 Maggio riapriranno con una prima fase che durerà due settimane e che prevede l’accesso con una passeggiata nelle strade della città antica tra i luoghi più suggestivi del museo a cielo aperto.

Dopo più di due mesi di chiusura a causa del lockdown, gli appassionati di storia dell’arte potranno iniziare di nuovo a godere di un percorso prestabilito tra gli storici scavi in diverse fasce orarie con il rispetto di tutte le regole necessarie dettate dal Ministero della Salute per contenere il contagio da Coronavirus (l’obbligo di indossare la mascherina durante tutto il tour nel sito archeologico oltre che mantenere la distanza fisica di 1 metro nei luoghi aperti e 1,50 nei luoghi al chiuso).

In questa prima fase sarà già possibile visitare le ampie case che permettono di mantenere il distanziamento sociale e alcune novità in anteprima, come la Domus di Cornelio Rufo circondato da un incantevole giardino da poco restaurato. Il biglietto di ingresso per questa prima fase avrà un prezzo contenuto di soli 5 euro.

Il 9 Giugno partirà invece la seconda fase, che prevede due itinerari dagli ingressi di Porta Marina e Piazza Anfiteatro, organizzati grazie a una tecnologia che monitorerà costantemente i flussi di entrata e di uscita dei visitatori (massimo un numero di quaranta persone a turno) anche attraverso la misurazione della temperatura corporea con il termoscanner che non dovrà essere pari o superiore ai 37,5 gradi.

“Siamo lieti di annunciare finalmente la riapertura di Pompei – ha dichiarato il Direttore Generale del sito archeologico vesuviano Massimo Osannae di consentire il riavvio delle attività turistiche, che daranno respiro a tante categorie che di cultura e turismo vivono. Le attività di manutenzione, grazie al lavoro di tanti restauratori, operai e tecnici del Parco, non si sono mai fermate in questo periodo, al fine di garantire la tutela e la salvaguardia del sito ed essere pronti alla ripartenza. Riapriremo nel pieno rispetto della normativa, ma anche con novità che arricchiranno gli itinerari, trasformando le limitazioni di una visita con percorsi contingentati e obbligati, in un’opportunità di approfondimento. Sarà una Pompei da godere senza fretta e con maggiore tranquillità.

 

 

ULTIMO AGGIORNAMENTO