lunedì, Luglio 4, 2022
HomeRegione PugliaUna regione del Sud vuole intitolare le strade ai medici morti per...

Una regione del Sud vuole intitolare le strade ai medici morti per Coronavirus

Dopo l'iniziativa calabrese del vigneto, arriva quella sui nomi delle strade. Il Sud è vicino ai medici che hanno dato la vita per il Coronavirus

Eroi di corsia, sono soprannominati così i medici che in queste settimane lottano nei reparti per salvare quante più vite possibili dalla minaccia del Coronavirus. E qualcuno di loro, purtroppo, è morto in prima persona, proprio mentre cercava una cura. Ecco perché l'Italia è grata a medici, infermieri e sanitari che da due mesi fanno turni interminabili e lavorano "nel fuoco", senza sapere quando la guerra finirà, ma senza mai perdere la speranza.

E a questi angeli vanno tanti pensieri e tante iniziative, anche dal Sud. Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato dell'idea calabrese di piantare un vigneto per ogni operatore sanitario morto. Il “Vigneto degli Eroi” - così si chiamerebbe - sorgerebbe a Cirò Marina. Il vigneto è stato scelto perché si tratta di uno dei più antichi coltivati nel bacino del Mediterraneo, soprattutto in Calabria, e i suoi frutti contengono una sostanza, la quercetina, che combatte le infiammazioni respiratorie.

Ma, accanto a questa proposta, ce n'è un'altra, proveniente dalla Puglia: intitolare in ogni città una strada ad un medico morto. A chiederlo è il presidente dell'Ordine dei medici Bat, un medico di famiglia di Barletta. L'iniziativa è arrivata scorrendo la lista dei 150 nomi dei colleghi morti per Coronavirus.

Un elenco di dolore, una tragedia nella tragedia che si è consumata e continua a farlo ogni giorni. "Mi auguro che anche il prefetto - dice il presidente a Repubblica - al pari dei politici che siedono nelle istituzioni, voglia caldeggiare questa proposta nei confronti dei primi cittadini del territorio, al fine di rendere indelebile il ricordo di chi si è immolato per curare i pazienti".

La proposta sarà inviata ai sindaci e poi eventualmente valutata. Sarebbe un atto di ringraziamento per chi si è immolato per amore del proprio lavoro e del prossimo, ma anche un modo per ricordare il loro sacrificio.

LEGGI ANCHE...