Coronavirus, il farmaco scoperto al Sud sulle pagine del New York Times

Il New York Times ha parlato del lavoro straordinario condotto dai medici napoletani per la ricerca di una cura contro l'epidemia da Coronavirus

Coronavirus

La Sanità del Sud elogiata sulle pagine del New York Times. Ieri il celebre quotidiano statunitense ha parlato in un articolo del farmaco Tocilizumab sperimentato a Napoli per curare i pazienti che hanno contratto la polmonite da Coronavirus.

La somministrazione del farmaco sta ottenendo ottimi risultati e sarà estesa presto in tutta la penisola: in totale sono 6 i miglioramenti dei pazienti trattati a Napoli con il Tocilizumab, ma arrivano anche buone notizie su 8 pazienti di Fano e Pesaro e 2 di Padova.

“I medici italiani di almeno due ospedali hanno cominciato a curare i casi di Covid-19 con un farmaco normalmente prescritto ai pazienti con malattie infiammatorie croniche autoimmuni, come l’artrite reumatoide”, si legge sulla rivista statuinitense. “Il dottor Paolo Ascierto, direttore della clinica immunologica del Pascale di Napoli, è stato intervistato sabato scorso sulla rete televisiva nazionale, e ha affermato che, su 6 pazienti in terapia intensiva a cui è stato somministrato il farmaco, tre hanno mostrato miglioramenti importanti”.

Inoltre, come ha sottolineato il Corriere del Mezzogiorno, il team di scienziati napoletani che ha iniziato la sperimentazione del farmaco è stato contattato dallo staff americano del Roswell Park Institute, che ha chiesto il protocollo per avviare una collaborazione nelle ricerche. A comunicarlo è il dottor Paolo Ascierto, direttore di Immunoterpia Oncologica e Terapie Intensive del Pascale di Napoli: “Nel momento in cui Aifa, l’agenzia italiana del farmaco, renderà pubblico il protocollo, potremo condividere la nostra esperienza e dare una mano ai nostri amici americani”.

La notizia della nostra intuizione è arrivata anche negli Stati Uniti e sul The New York Times si parla di noi! Siamo…

Gepostet von Dott. Paolo Antonio Ascierto – Oncologo e ricercatore italiano am Sonntag, 15. März 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO