Taranto, ok definitivo per il Parco Lulù finanziato da Niccolò Fabi

Via libera alla costruzione del Parco Lulù voluto dal cantautore Niccolò Fabi per ricordare la figlia scomparsa nel 2010



Dopo anni di attesa per la realizzazione del progetto benefico voluto dal cantautore romano Niccolò Fabi, si sblocca finalmente la costruzione del Parco Lulù nel rione Tamburi a Taranto. Venerdì scorso il dirigente del Settore Ambiente della provincia di Taranto Roberto Carucci ha approvato il provvedimento che certifica l’avvenuta bonifica dell’area. Il progetto è finanziato dalla Fondazione Pizzarotti e da Niccolò Fabi per ricordare la figlia Olivia scomparsa nel 2010 a soli 2 anni.

Il Parco Lulù sarà una area giochi di proprietà del comune interamente dedicata ai bambini. L’attestato di conformità che riguarda la bonifica dei suoli del quartiere è stata certificata da Arpa Puglia, l’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale.

Tra i vari interventi, la rimozione del terreno di superficie contaminato in tutte le zone prive di pavimentazione per evitare pericolosi rischi tossici per bambini e adulti che frequentano il quartiere. Con la firma burocratica avvenuta venerdì, si potrà procedere alla costruzione del Parco Lulù che sorgerà vicino alla scuola “Gabelli”, luogo diventato da tempo simbolo della crisi ambientale che da anni attanaglia la città.