“Mo’ vene Natale” le origini della poesia cantata da Carosone

Si tratta di una filastrocca che ha origini molto antiche e che rispecchia pienamente il lato un po' malinconico dei partenopei nelle feste natalizie



Quante volte ci è capitato di sentire, alle soglie del Natale, questo detto napoletano “Mo’ vene Natale nun tengo denare…”? Si tratta di un verso di una filastrocca attribuita ai partenopei molto antica che magari qualche volta abbiamo pronunciato anche noi in modo scherzoso, soprattutto per sdrammatizzare un complicato momento della vita in cui non si ha molta disponibilità economica per fare i regali di Natale.

Nonostante le sue radici provenienti da un passato lontano, la filastrocca è tuttora attuale vista la crisi che ormai ci perseguita da anni: nel capoluogo campano, ma anche dalla Campania in giù, è da sempre un ritornello che si sente canticchiare durante le feste natalizie. E in effetti non è davvero Natale, se anche per gioco non si intona il verso un pò malinconico della poesia “Nuvena nuvena/ mo vene Natale/ nun tengo denare/ m’appiccio na pippa/ e me vaco a cuccà”.

Origini e significato del verso “Mo’ vene Natale nun tengo denare…”

La poesia ha origini troppo antiche e il nome dell’autore è sconosciuto. Si tratta di un frammento di una vecchia filastrocca che in realtà potrebbe anche non essere originariamente napoletana ma potrebbe avere anche radici sicule, nel cui dialetto alla prima parte della rima segue“u ttegnu dinari; mi pieghi a pippa e mi mindo a fumari!”, intonata in particolare dagli anziani che ai loro tempi fumavano la pipa e vivano nella povertà, ma che dopotutto riuscivano comunque a essere felici con poco a vivere con serenità.

Probabilmente poi è successo che i napoletani hanno preso queste rime e le hanno portate all’interno della loro cultura traducendole con il loro dialetto. Non a caso il famoso verso è diventato talmente celebre che in seguito l’artista partenopeo Renato Carosone decise di riprendere alcune parti della filastrocca e musicarla con l’aggiunta di altre strofe: il testo musicale uscì nel 1959.

Testo della canzone

Coro:
Mo vene Natale
nun tengo denare
me leggio ‘o giurnale
e me vaco a cuccà.
Mo’ vene Natale
nun tengo denare
me leggio ‘o giurnale
e me vaco a cuccà.

Solo:
Mamma, mamma
e damme n’a mano
ca doppo dimane fernesce ‘a semmana
e nun saccio che fa, e nun saccio che fa.

Coro:
Mo’ vene Natale
nun tengo denare
me leggio ‘o giurnale
e me cavo a cuccà.
Mo’ vene Natale
nun tengo denare
me leggio ‘o giurnale
e me vaco a cuccà.

Finale:
E me vaco a cuccà,
e me vaco a cuccà.


ULTIMO AGGIORNAMENTO