martedì, Febbraio 20, 2024
[rank_math_breadcrumb]

Il maxi scandalo di Chiara Ferragni: "Il pandoro non era per beneficienza" - Lucarelli furiosa

Scandalo tra dolci e beneficenza. Chiara Ferragni e Balocco multati dall'Antitrust: un caso che ha fatto tremare il mondo della beneficenza.

Ricordate l'iniziativa di beneficenza portata avanti da Chiara Ferragni e Balocco? Quell'operazione che aveva come obiettivo raccogliere fondi per l'Ospedale Regina Margherita di Torino? Bene, quel caso torna a far parlare di sé, e non in modo positivo.

Beneficenza o business?

La storia inizia con un nobile proposito: aiutare i bambini affetti da Osteosarcoma e Sarcoma di Ewing, attraverso l'acquisto di un nuovo macchinario terapeutico per l'ospedale torinese. Ma secondo l'Antitrust, l'iniziativa di beneficenza organizzata dalla moglie di Fedez e dalla nota azienda dolciaria Balocco, si è rivelata meno lodevole di quanto sembrasse.

Selvaggia Lucarelli solleva il dubbio

Fu Selvaggia Lucarelli, giornalista e opinionista, a sollevare per prima dubbi su questa operazione. Secondo la Lucarelli, l'operazione era opaca e poco trasparenta. E sembra che avesse ragione.

Il verdetto dell'Antitrust

L'Antitrust ha stabilito che le società legate a Chiara Ferragni hanno fatto intendere che acquistando il pandoro "griffato" Ferragni avrebbero contribuito alla donazione all'ospedale. Invece, il dono di 50.000 euro era già stato effettuato da Balocco mesi prima. Le società di Chiara Ferragni hanno incassato oltre 1 milione di euro dall'iniziativa, senza versare nulla all'ospedale.

Multe salate

Di fronte a queste accuse, l'Antitrust ha deciso di intervenire e ha multato Fenice S.r.l. e TBS Crew S.r.l., che gestiscono i marchi e i diritti di Chiara Ferragni, rispettivamente per 400.000 euro e 675.000 euro. Anche Balocco S.p.A. Industria Dolciaria ha ricevuto una multa, di 420.000 euro.

Reazioni alla notizia

La notizia della multa ha scatenato una serie di reazioni sui social. Selvaggia Lucarelli, che aveva sollevato dubbi sulla beneficenza di Chiara Ferragni, non ha perso l'occasione per criticare l'influencer. Secondo la Lucarelli, questa vicenda spiega bene la differenza tra beneficenza e operazione commerciale mascherata da beneficenza, un fatto particolarmente odioso quando coinvolge bambini malati e ospedali che li curano.

Chiara Ferragni, al momento, non ha rilasciato alcun commento in merito alla multa. Balocco, invece, ha dichiarato di non condividere la decisione dell'Antitrust e si riserva di agire nelle sedi opportune per tutelare i propri diritti.

Un monito per tutti

La multa inflitta dall'Antitrust a Chiara Ferragni e a Balocco è un campanello d'allarme. È importante che le aziende agiscano in modo trasparente e corretto quando si tratta di iniziative di questo tipo, soprattutto quando coinvolgono la sensibilità delle persone e la solidarietà verso chi ha bisogno.

La multa serve a fare chiarezza e a garantire che le donazioni avvengano realmente e che i soldi raccolti vadano a chi ne ha bisogno. È un monito per tutti coloro che utilizzano la beneficenza come strumento di promozione o di guadagno personale.

Beneficenza o opportunità di marketing?

La vicenda della maxi multa inflitta a Chiara Ferragni e a Balocco dall'Antitrust ha scosso il mondo dell'influencer marketing. L'accusa di pratica commerciale scorretta ha messo in luce come un'operazione di beneficienza si sia trasformata in un'occasione di guadagno per le società coinvolte. Questo episodio solleva importanti questioni etiche e morali sulle motivazioni che spingono le celebrità a promuovere iniziative di solidarietà. La beneficenza non dovrebbe essere solo un modo per migliorare l'immagine pubblica, ma un vero e proprio impegno a fare del bene.