mercoledì, Agosto 10, 2022
HomeNewsZone gialle e zone rosse locali: anche il Sud in ballo

Zone gialle e zone rosse locali: anche il Sud in ballo

Quali sono le regioni più vicine al limite? Da nessuna parte l'occupazione dei reparti ospedalieri è a livelli che suggeriscono un cambiamento di colore a breve termine. Ma tutti gli occhi sono puntati su Marche, Calabria, provincia di Bolzano e Friuli Venezia Giulia. L'unico rischio per novembre 2021 sono le zone rosse comunali in caso di grandi focolai.

Zona gialla, uno scenario ancora lontano. I numeri della pandemia in alcune determinate aree sono in parte preoccupanti, ma l'occupazione dei reparti ospedalieri non è a livelli che facciano pensare a un cambiamento di colore nel breve periodo. In provincia di Trieste decollano i contagi dopo le proteste No Green Pass, con 311 nuovi positivi in ​​giornata. Negli ultimi sette giorni il triestino ha registrato 1.155 casi di coronavirus, 503 ogni 100.000 abitanti, una cifra mai più alta dall'inizio dell'emergenza. Per fare un confronto, questo è quasi otto volte l'attuale media italiana (64 / 100.000). Tuttavia, un eventuale aumento dei ricoveri ordinari in Friuli-Venezia Giulia rischierebbe di portare la regione verso la zona gialla.

Zona gialla: le 4 regioni/province autonome più vicine al limite
Ma il dato regionale non è affatto vicino alla zona gialla. Va ricordato che il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla avviene sulla base di tre parametri che devono essere superati contemporaneamente: l'incidenza settimanale dei nuovi positivi deve superare i 50 casi ogni 100mila abitanti, il tasso di occupazione nel l'area medica deve essere superiore al 15%, il tasso di occupazione in terapia intensiva deve essere superiore al 10%. I dati Agenas aggiornati ieri sera dicono che oltre al Friuli anche le Marche hanno superato la soglia del 10% dei reparti di terapia intensiva occupati. Ma i ricoveri nei reparti ordinari sono ben al di sotto della soglia. Nessun'altra regione supera le soglie per i ricoveri ordinari o intensivi.

Due situazioni emblematiche: la provincia di Bolzano sfiora il 13% in termini di ricoveri in reparto. Ma ha solo il 4% dei ricoveri in terapia intensiva. La Calabria è il 12% per i ricoveri ordinari (il problema dei pochi posti letto nei reparti è reale da ben prima del Covid) ma solo il 5% per la rianimazione. Il grafico seguente, del ricercatore Vittorio Nicoletta, mostra che sono 4 le regioni che al momento le stanno puntando: Marche, Calabria, provincia di Bolzano e Friuli Venezia Giulia. Ma - ribadiamo - nessuno rischia la zona gialla la prossima settimana.

I dati di lunga data di martedì per quanto riguarda i ricoveri (nei reparti ordinari e intensivi) e il dato di incidenza del giovedì erano quelli che venivano elaborati e utilizzati per il monitoraggio dell'ISS ogni venerdì. Così è andata avanti per molto tempo negli ultimi mesi. Da qualche tempo però (a settembre) erano avvenuti alcuni cambi di colore prendendo come riferimento i dati ospedalieri del giovedì. Comunque sia, almeno nella prossima settimana non arriveranno restrizioni. È impossibile che i dati delle prossime 48 ore spingano una o più regioni verso nuove restrizioni.

Tra le zone gialle e bianche cambia pochissimo. Nella zona bianca l'obbligo è limitato ai soli luoghi al chiuso o in aree anche all'aperto se particolarmente affollate; nella zona gialla è obbligatoria la mascherina sia all'aperto che al chiuso. L'unica eccezione è per i bambini di età inferiore ai 6 anni e per le persone con particolari condizioni di salute. L'altra differenza riguarda bar e ristoranti: nella zona bianca non c'è limite alle persone non conviventi che possono sedersi allo stesso tavolo all'esterno, mentre all'interno il tetto massimo è di sei; nella zona gialla ritornerebbe il limite di quattro persone non conviventi sia all'interno che all'esterno. Inoltre, le capacità estese dovrebbero essere nuovamente ridotte solo poche settimane fa, il che riguarderebbe solo l'area bianca. Cioè impianti sportivi e luoghi della cultura.

Zone rosse locali
Il governo ha finora confermato la validità del "sistema colore" che consente di mantenere aperte le attività. Il principio prevede misure drastiche solo nelle zone dove la situazione peggiora, imponendo "zone rosse" in caso di eventuali ammassi. Zone rosse locali, dunque, iper locali. Restrizioni a livello comunale, il piano sembra essere sempre lo stesso: difficile pensare a restrizioni con impatto sull'intero territorio regionale a livello economico (come accade nella zona arancione, ad esempio), durante l'inverno, se l'aumento dei contagi rimane circoscritto ad aree geografiche ben definite.

Come si è rischiato che ciò accadesse a Cervinara, in Irpinia, un paese di 9mila abitanti dove oggi sono un centinaio i positivi: ieri 14 nuovi casi. Secondo qualcuno della zona rossa, il Comune aveva quasi numeri, un numero così alto di contagi non si era verificato nemmeno nei giorni più bui del 2020. "Cervinara - ha sottolineato un paio di giorni fa Vincenzo De Luca - era sull'orlo di un chiusura completa, di un'altra zona rossa. Quanto accaduto, a seguito di una parte privata, con i tempestivi provvedimenti adottati da un buon sindaco, d'intesa con l'Asl e la Regione, ha evitato conseguenze più gravi ma è un esempio di cosa potrebbe accadere se il senso di responsabilità di tutti fosse. Ora più che mai è necessario rispettare rigorosamente tutte le misure per contrastare la diffusione del virus, a cominciare dalle vaccinazioni, dall'uso delle mascherine, dal distanziamento. Non ci sono casi gravi a Cervinara, tutti i contagiati sono stati messi in quarantena.

Lo ha chiarito Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università Statale di Milano. "Stiamo assistendo a un colpo di coda del virus, con piccoli aumenti, non molto pesanti, dei casi, ma credo che l'approccio prudente italiano, fatto di misure precauzionali e vaccinazioni, sembri dare i suoi frutti". Pregliasco esclude l'ipotesi di un lockdown "molto duro" come a marzo e aprile 2020 e più soft con le zone 'colorate' di rosso e arancio come lo scorso autunno e inverno. "Potrebbero esserci micro aree chirurgiche rosse", commenta, "a seguito dell'aumento dei contagi da covid. Penso che le ipotesi di blocco siano un'ultima risorsa remota".

"Nella prima zona gialla potremmo assistere alle proteste dei vaccinati"
Secondo Nino Cartabellotta, medico e presidente della Fondazione Gimbe che analizza i dati della pandemia, "il lockdown dei non vaccinati avrebbe un valore etico e sanitario senso, ma sarebbe complicato dal punto di vista sociale e giuridico”. Lo dice in un'intervista alla stampa, spiegando che di fatto significherebbe togliere l'opzione tampone dal Green Pass e rendere obbligatoria la vaccinazione per lavorare o entrare nei locali. Una strada giusta, ma politicamente complicata viste le proteste". Purtroppo - aggiunge - la scelta individuale di non vaccinarsi, se presa da 7 milioni di persone, ricade sulla libertà di tutti. Alla prima zona gialla si sono potute vedere le proteste dei vaccinati. A Trieste c'è già stata la raccolta di firme contro la rumorosa minoranza".

LEGGI ANCHE...