lunedì, Settembre 27, 2021
HomeCuriositàGlobal Teacher Award a un docente del Sud: è il miglior insegnante...

Global Teacher Award a un docente del Sud: è il miglior insegnante del mondo 2021

Il premio internazionale seleziona i migliori docenti provenienti da 110 paesi nei sei continenti, ritenuti capaci di dare un ottimo contributo nel mondo dell'istruzione

Nell'anno della ripartenza della scuola e del ritorno in classe arriva il "Premio Nobel per l'insegnamento" per un insegnante meridionale. Un riconoscimento internazionale di grande prestigio, che per il 2021 è stato assegnato a un docente barese: si tratta di Antonio Curci, docente dell'Istituto Tecnico Tecnologico Panetti Pitagora di Bari, vincitore del "Global Teacher Award 2021". Il premio seleziona i migliori docenti provenienti da 110 paesi nei sei continenti, ritenuti capaci di dare un ottimo contributo alla professione.

Il "Global Teacher Award" serve a sottolineare l'importanza degli educatori e il fatto che, in tutto il mondo, i loro sforzi meritano di essere riconosciuti e celebrati. Il concorso è aperto a tutti i docenti, segnalati alla giuria internazionale da colleghi e dirigenti scolastici. Prima di Antonio Curci, un altro professore pugliese (Daniele Manni, l'unico italiano) era stato premiato dall'organizzazione Aks Education Awards.

Per l'edizione 2021 trionfa Bari al "Global Teacher Award", il prestigioso riconoscimento che riconosce e celebra l'eccellenza nel mondo dell'istruzione a livello globale. Il professor Antonio Curci, oltre ad aver formato generazioni di giovani informatici, è il cuore e l'anima di Radio Panetti, una delle web radio scolastiche più attive in Italia. Sempre attento a mettere in contatto i suoi studenti e alunni con il mondo del lavoro, ogni anno Antonio Curci propone ai giovani nuovi progetti, dalla televisione al digitale.

Il premio verrà consegnato durante una cerimonia il 9 e 10 ottobre a Dubai. "E' un segnale di speranza - commenta Curci dopo la bella notizia - Significa che la scuola non è solo il luogo dove dobbiamo litigare per gli orari, ma possiamo ancora progettare il nostro futuro".

LEGGI ANCHE...