Il Sud festeggia i 100 anni di nonna Angela: una vita nelle campagne meridionali

Angela è uno dei tanti anziani che gode di ottima salute grazie ad una vita trascorsa all'aria aperta e a contatto con la natura

Foto Facebook CIA Agricoltori Italiani Puglia


Il Sud, soprattutto nei suoi borghi e nei paesini piccoli piccoli, è pieno di centenari in ottima salute. Non a caso, proprio in certe zone del Sud c’è un alto tasso di longevità, grazie alla qualità della vita che offrono. Aria pulita, ottimo cibo, e un’esistenza tranquilla lontana dagli stress delle grandi città.

E proprio perché siamo in tema di centenari, in questo articolo vi parliamo di Angela Bongermino, una signora che ha appena compiuto 100 anni. La nonnina è pugliese, e la sua storia lunga un secolo parla la lingua dei campi, visto che è qui che ha vissuto gran parte della sua vita. Il segreto della sua longevità è proprio la campagna, l’aria e i prodotti di cui ha goduto qui, in contrada Gaudella, nell’agro di Castellaneta, dove ancora vive circondata dall’amore dei figli Bartolomeo e Vincenza, che conducono con passione un’azienda agricola olivicola.

La sua storia è finita su Ansa.it, e a festeggiare Angela sono state anche alcune personalità della Puglia. Oltre ai suoi cari, infatti, c’erano il sindaco di Castellaneta, il presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti, il presidente di Cia Due Mari Michele D’Ambrosio e il direttore provinciale Vito Rubino. La storia della signora Angela, come dichiarato da Rubino, “è simile a quella di tanti anziani che, con il loro lavoro, rappresentano un presidio fondamentale per non far scomparire la cultura, la biodiversità e lo straordinario patrimonio storico, ambientale e produttivo rappresentato dalle zone rurali”.

E la storia della signora Angela è comune a quella di tanti altri anziani che hanno trascorso una vita in queste zone, a contatto con la natura. Ecco perché è importante rilanciare le aree interne: “Sul rilancio delle aree interne – ha concluso Rubino- Cia Agricoltori Italiani e tutte le sue declinazioni territoriali lavorano da sempre con grande determinazione, perché siamo fermamente convinti che è soltanto da qui che si può costruire il futuro di un Paese capace di integrare i propri territori”.