Rivista di viaggi elogia il Sud: “Venite qui se cercate un viaggio di altri tempi”

L'importante rivista di viaggi ha realizzato un reportage fatto in questa splendida ma spesso dimenticata regione del Sud



“Il Molise non esiste, è una leggenda metropolitana”. Quante volte abbiamo sentito questa battuta su una delle regioni più “silenziose” d’Italia? Forse troppo spesso si fa ironia inconsapevolmente, soprattutto quando non si conosce davvero ciò di cui si sta parlando. Il Molise non è una terra per tutti, soprattutto per chi la visita. Questa regione offre uno sguardo sulla vita molto diverso da quello comune. Non è un tradizionale luogo per vip, né una meta scelta per la movida. Questo è un luogo dove il tempo si è fermato, un luogo di altri tempi, appunto.

A dirlo è una delle più importanti riviste di viaggio, “Lonely Planet”, che in un lungo articolo elogia la natura e la genuinità del Molise, dalle tradizioni ai paesaggi da scoprire a piedi.

Il titolo del reportage è proprio “Perché il Molise è il luogo giusto per chi cerca un viaggio lontano nel tempo”, e l’autrice spiega che in questa regione non si capita casualmente, ma si sceglie di andarci. Perché è più facile superarla senza neppure vederla, piuttosto che fermarsi involontariamente.

“Il Molise non è un luogo per turisti qualsiasi. Per godere appieno di ciò che questo viaggio potrebbe restituirvi – ed è molto più di ciò che potete immaginare – è necessario accantonare sia il concetto di divertimento a cui siete abituati sia la prospettiva che questa vacanza possa suggerirvi qualcosa che già conoscete, non soltanto a livello di aspettative ma soprattutto di esperienza. Ha piuttosto a che fare con l’autenticità”, c’è scritto nel pezzo.

Ma perché quello in Molise è un viaggio “diverso”? Innanzitutto per la natura, per lo più incontaminata, grazie alla scarsa presenza di grosse industrie, visto che la regione basa la propria economia soprattutto sul settore primario.

Il Molise, inoltre, è la regione con la maggiore biodiversità sul territorio italiano. Le riserve protette presentano una flora e una fauna diversificata al massimo, all’interno di un’area territoriale relativamente piccola. Il territorio costiero è intatto rispetto al suo volto originario, risalente a prima degli anni ’60. Qui trovano il loro habitat numerose specie protette come il fratino.

Insomma, in un periodo così particolare per il turismo come quello attuale, perché non visitare un luogo di pace come il Molise? D’altronde, anche il New York Times, prima della pandemia, aveva inserito questa regione meridionale tra le mete migliori per il 2020.

ULTIMO AGGIORNAMENTO