Il quadro più pagato al mondo? E’ una veduta del golfo di Napoli

Questa meravigliosa tela ad olio, che raffigura il golfo partenopeo, è stata eseguita da un artista russo nel 1841, durante il suo soggiorno in Italia



Il Sud è pieno di luoghi meravigliosi che restano impressi nella mente anche a chi li visita per la prima volta. E sono in tanti a scegliere di vivere qui, o di tornare qui ogni volta che gli è possibile. E la bellezza del Sud è stata continuamente ripresa nel corso della storia dell’umanità, in racconti, poesie, fotografie, dipinti. Continue immagini reali o ideali che hanno riprodotto nel tempo la sua straordinaria grandezza.

Un esempio è quello che stiamo per raccontarvi. Un panorama meridionale, uno dei più famosi, recentemente è diventato il soggetto del quadro più pagato al mondo in un’asta online. Si tratta del monumentale dipinto “Il golfo di Napoli”, il cui autore è il pittore russo Ivan Konstantinovic Ajvazovskij (1817-1900), famoso per i suoi paesaggi marini, che ha incassato 2.813.670 di dollari, ossia il prezzo più alto per qualsiasi lotto venduto finora in un’asta online da Sotheby’s. Questa meravigliosa tela ad olio, che raffigura il golfo partenopeo, è stata eseguita dall’artista nel 1841, durante il suo soggiorno in Italia.

Prima che fosse premiato il quadro su Napoli, il record precedente era detenuto da una “Natura morta” del pittore bolognese Giorgio Morandi (1890-1964), realizzata nel 1951, che lo scorso 19 maggio aveva raggiunto 1,6 milioni di dollari.

Ajvazovskij dedicò molte vedute marine all’Italia, e il primato attuale è stato ottenuto durante la vendita online del catalogo di arte russa da Sotheby’s a Londra. Il quadro è partito da una stima di circa 800mila dollari e l’acquirente ha chiesto di restare anonimo.

Il pittore russo si innamorò di Napoli durante il suo viaggio in Italia. Visitò il capoluogo partenopeo, Sorrento, Amalfi e l’isola di Capri, luoghi che ritrasse tutti nelle sue opere più importanti. Il suo dipinto su Napoli è meraviglioso e talmente verosimile da sembrare una fotografia in movimento.

ULTIMO AGGIORNAMENTO