Il lampascione pugliese: combatte i tumori ed è ottimo per dimagrire

Il lampascione è tipico della Puglia e della Basilicata ed ha un sacco di proprietà benefiche per la salute



Il lampascione, detto anche cipolla canina, è una pianta erbacea della famiglia delle Liliaceae, diffusa nelle regioni mediterranee, soprattutto in Puglia. I fiori della sua pianta sbocciano in primavera e persistono fino all’estate.

Il bulbo della pianta, ricco di sali minerali, cresce a 12-20 cm nel sottosuolo, ed è simile a una piccola cipolla di sapore amarognolo.

I lampascioni sono famosi sin dai tempi di Ovidio per le loro grandi proprietà benefiche, oltre che per il gusto. Sono infatti ricche di fibre solubili, flavonoidi, minerali, acqua e hanno buone proprietà lassative e diuretiche, oltre che essere ipocalorici.

Sarebbero ottimi per prevenire l’ipertensione, l’obesità, il diabete e l’ipercolesterolemia. Sono un ottimo antitumorale e un grande alleato della digestione e del fegato, e la presenza di saponine e pectine abbasserebbe la percentuale di grasso corporeo, rendendoli adattissimi alle diete.

Per essere mangiato, il lampascione va prima ripulito di terra e radici, e poi tenuto in ammollo in acqua per un’oretta, dopodiché va inciso nella parte inferiore con un coltello e poi cucinato, stufato in padella con olio e sale e magari aggiunto a una frittata o bollito in acqua e aceto.

E’ ottimo anche fritto o arrostito sui carboni, nelle zuppe e come contorno di secondi di carne.

ULTIMO AGGIORNAMENTO