Cervelli in fuga che tornano: lavorava in Belgio, è stato assunto al Sud

E' la storia di chi trova lavoro al Sud: sembra un miracolo ma succede!



E’ la storia di un cervello in fuga…che torna a casa. Un percorso inverso quello di Donato Micucci, cardiochirurgo di 35 anni, specializzatosi alla scuola dell’università d’Annunzio e fino a poco fa in servizio presso una struttura sanitaria di Genk, in Belgio.

Fino a poco fa, appunto, perché ora Donato è stato assunto dall’Asl Lanciano Vasto di Chieti, che lo ha reclutato scorrendo la graduatoria di un concorso precedente, al quale il medico aveva partecipato.

Nella Cardiochirurgia dell’ospedale di Chieti si era venuta a creare una carenza di organico che l’Asl ha deciso di coprire così.

“Con la contestuale e immediata assunzione del nuovo cardiochirurgo – sottolinea la Asl Lanciano vasto Chieti in una nota – la Direzione generale conferma la particolare attenzione riservata in questi mesi alla situazione del Dipartimento Cuore e, in particolare, della Cardiochirurgia”.

ULTIMO AGGIORNAMENTO