giovedì, Luglio 29, 2021
HomeNewsLe 7 citazioni più belle sulla Sicilia

Le 7 citazioni più belle sulla Sicilia

Da Quasimodo a Sciascia, fino a Dacia Maraini: le citazioni più famose di poeti e scrittori sulla meravigliosa Sicilia

"Senza vedere la Sicilia non si può capire l'Italia. La Sicilia è la chiave di tutto". Con questa riflessione bellissima Johann Wolfgang von Goethe descriveva la Sicilia durante il suo viaggio in Italia. I colori, le tradizioni, i profumi, la storia di una cultura millenaria raccontano il fascino di questa terra, di cui ci si innamora al primo sguardo. Nel corso dei secoli, tanti sono stati i poeti e gli scrittori che con i loro versi ne hanno immortalato la bellezza, stregati dalle sue forme e sfaccettature. Di seguito vi segnaliamo 7 citazioni illustri che abbiamo scelto per sottolineare l'unicità di una Regione vista attraverso occhi di personaggi che hanno fatto la storia.

LE CITAZIONI

1. "Non invidio a Dio il Paradiso perché sono ben soddisfatto di vivere in Sicilia". - Federico II di Svevia -

Federico Ruggero Costantino di Hohenstaufen, fu re di Sicilia, l'ultimo della dinastia degli Svevi. Amò profondamente questa terra, e rese Palermo un centro letterario di livello europeo, dove si incontravano la cultura araba, bizantina, ebraica e latina. 

2. "La più bella regione d'Italia: un' orgia inaudita di colori, di profumi, di luci, una grande goduria".
- Sigmund Freud -

Sigmund Freud visitò la Sicilia nel 1910, rimandone affascinato. Rapito dalla sontuosità dei monumenti, dal fascino dei panorami, una città a a cui non manca quasi nulla, come scrisse in una sua lettera.

3. Incredibile è l'Italia: e bisogna andare in Sicilia per capire quanto è incredibile l'Italia".
- Leonardo Sciascia -

Generazioni di siciliani sono cresciute leggendo i libri di Sciascia, profondamente appassionato da questa Regione, di cui raccontava luci ma soprattutto ombre. E' considerato lo scrittore che ha scoperto la mafia in Sicilia.

4. Di fronte | m'eri, o Sicilia, o nuvola di rosa | sorta dal mare! E nell'azzurro un monte: l'Etna nevosa. | Salve, o Sicilia! Ogni aura che qui muove | pulsa una cetra od empie una zampogna, | e canta e passa… Io era giunto dove | giunge chi sogna".
- Giovanni Pascoli -

Giovanni Pascoli fu trasferito a Messina per atteggiamenti troppo anarchici, e qui, all'Università, ricoprì il ruolo di docente di letteratura latina. Neppure lui sfuggì alla bellezza di questi luoghi.

5. "Seco venga a' lidi tuoi. Fe' d'opre alte e leggiadre, O isola del sole, o tu d'eroi Sicilia antica madre".
- Giosuè Carducci -

Giosuè Carducci non visitò mai la Sicilia, ma ne fu talmente incuriosito che imparò a conoscerla attraverso le leggende mitologiche, e da queste prese spunto per comporre personalmente dei versi in suo onore.

6. "Quegli odori di alga seccata al sole e di capperi e di fichi maturi non li ritroverà mai da nessuna parte; quelle coste arse e profumate, quei marosi ribollenti, quei gelsomini che si sfaldano al sole".
- Dacia Maraini -

Con la Sicilia, Dacia Maraini, ebbe un legame molto intenso: è qui che visse durante l'infanzia nella villa dei nonni materni.

7. "La mia terra è sui fiumi stretta al mare, non altro luogo ha voce così lenta, dove i miei piedi vagano, tra giunchi pesanti di lumache".
- Salvatore Quasimodo -

Salvatore Quasimodo scrisse spesso della sua terra natale, descrivendone bellezza ma anche atrocità, come gli orrori dei rastrellamenti durante la Seconda Guerra Mondiale.

LEGGI ANCHE...