Sanità record al Sud: eseguito il primo intervento cardiochirurgico su paziente Covid

In un ospedale del Sud per la prima volta è stato eseguito brillantemente un intervento cardiochirurgico su un paziente affetto da Coronavirus



Nelle strutture ospedaliere del Sud proseguono senza sosta interventi chirurgici straordinari. In un momento così difficile come quello attuale, i medici stanno dimostrando giorno e notte il loro talento per salvare la vita di chi è in grave pericolo. Un’ ultima operazione di questo tipo è stata effettuata dall’unità operativa di Cardiochirurgia del Policlinico “G.Rodolico – San Marco” di Catania, dove è stato eseguito per la prima volta un intervento cardiochirurgico su un paziente affetto da Coronavirus.

A seguito di un forte dolore al petto e alla spalla, il paziente C.A. di 39 anni è giunto al pronto soccorso. Effettuata la diagnosi differenziale con l’infarto cardiaco, l’uomo è stato sottoposto a Tac torace che ha evidenziato una dissezione aortica. Inoltre, nella Tac, sono state rintracciate delle immagini polmonari sospette da Covid-19 e così è stato eseguito immediatamente il tampone molecolare.

Subito dopo il paziente è stato trasferito con barella per il biocontenimento presso la sala operatoria dell’Unità di Cardiochirurgia diretta da Angelo Giuffrida, al padiglione 8, per essere sottoposto in emergenza ad intervento chirurgico, unica possibilità per salvargli la vita. La Cardiochirurgia del Policlinico “G.Rodolico – San Marco”, insieme alla Cardiologia e alla Chirurgia Vascolare rappresentano in questa fase storica senza precedenti i centri di riferimento per la Sicilia Orientale nella lotta contro la pandemia da Covid-19. 

Mentre il paziente si trovava in sala operatoria con tutto il personale sanitario preparato con i dispositivi di protezione per Coronavirus, è giunto il risultato del tampone molecolare che indicava la positività dell’uomo all’infezione. Da quel momento chirurghi, anestesisti, infermieri e tecnici Cec hanno eseguito minuziosamente l’intervento con tutte le dissezioni aortiche, nella massima sicurezza per tutti gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza. Il paziente, secondo quanto riporta il quotidiano La Sicilia, è attualmente ricoverato presso la Rianimazioni Covid e la sue condizioni di salute sono stabili.