giovedì, Novembre 30, 2023

Ragazza trova una pacchetto di chewing gum vuoto e invia una lettera di reclamo: la risposta dell'azienda la sorprende

Ognuno di noi ha masticato almeno una volta nella vita una chewing gum. Una ragazza italiana ha acquistato la confezione da pochi centesimi che include due pezzi, per trovarla vuota. A quel punto, ha inviato una lettera di lamentela all'azienda produttrice.

Essendo state inventate negli Stati Uniti, si chiamano chewing gum, ma in italiano molti preferiscono la formula gomme da masticare. Si tratta di un alimento adatto al consumo umano seppur non digeribile, che contribuisce a rendere più profumato il nostro alito. Non tutti sanno che quello che potremmo definire 'antenato' delle gomme era il chicle, una sostanza estratta dalla corteccia dell'albero Sapote. I primi a usarlo come gomma da masticare a scopo ricreativo erano i popoli Maya e Aztechi. Quelle che mastichiamo oggi, però, sono nate nel passato recente.

Il chimico e imprenditore americano Thomas Adams sfruttò proprio il chicle per creare una prima gomma da masticare commerciale, che non trovò grande successo nell'immediato. Tra la fine del XIX e l'inizio del XX, l'imprenditore riuscì a commercializzarle e molti lo copiarono, creando le proprie chewing gum. Proprio nel periodo precedente alla Prima Guerra Mondiale, ebbero un successo enorme negli Stati Uniti e le aziende iniziarono a produrle in massa, oltre che inventare nuove forme e nuovi gusti. In Italia, oggi, si trovano in confezioni singole (o da due) dal prezzo di 10 o centesimi, ma anche da dieci pezzi (prezzo attorno a 1€) e in barattolini di plastica che ne contengono 50 o 100.

Trova un pacchetto di chewing gum vuote e scrive una e-mail di lamentele

Su TikTok è diventato virale il video di una ragazza italiana, che sostiene di aver trovato un pacchetto di chewing gum di una nota marca... vuoto. Anziché ignorare la faccenda, la ragazza ha deciso di inviare una e-mail di lamentele all'azienda che le produce, allegando foto. Dopo qualche giorno, a sorpresa, il produttore le ha rispsto chiedendo scusa per l'inconveniente e - soprattutto - inviandole una confezione delle stesse gomme, da 100 pezzi. Non male, vero?

@robertaa_barraa

Poco polemica comunque #perte #airvigorsol #perfettivanmelle #reclami

♬ suono originale - roberta🍭🌪️✨🦚

A volte, dunque, lamentarsi serve davvero a qualcosa. Più di una persona pensa che inviare reclami per una confezione di 10 o 20 centesimi di valore commerciale sia inutile; nella migliore delle ipotesi, l'azienda si limita a chiedere scusa. Invece, come ci insegna la saggezza popolare, chi non ci prova davvero non saprà mai come sarebbe potuta andata a finire.. La ragazzina ha perso 2 minuti del suo tempo per scrivere l'e-mail e in cambio ha ottenuto gomme da masticare per qualche settimana. Non le hanno fatto un bonifico da 1000€, ma avere una fornitura così abbondante di gomme non dispiace a nessuno, soprattutto a chi ne fa un uso quotidiano.

LEGGI ANCHE: Giappone, sui mezzi di trasporto a Tokyo c'è una differenza enorme con l'Italia: la testimonianza del tiktoker