Roma, ciclista passa con il rosso: quello che gli urlano i carabinieri un attimo dopo è pura poesia

Roma, un ciclista non rispetta il semaforo e passa nonostante sia rosso per coloro che sono muniti di un mezzo. I carabinieri, però, non ci stanno e uno di loro gli grida una frase esilarante

Roma è una città dannatamente bella. Non a caso è la capitale d'Italia. La quantità di monumenti da vedere è immane e non paragonabile a nessun altra città forse del mondo. Basti anche solo pensare al fatto che, tutte le volte in cui ci sono da aggiungere fermate alla metropolitana o da svolgere lavori, spuntano fuori reperti storici come funghi. Eppure la località può essere al tempo stesso croce e delizia. Per coloro che ci vivono, ad esempio, c'è un problema insostenibile: il traffico e la difficoltà di trovare parcheggio nelle vicinanze di casa, lavoro e così via.

Proprio per queste problematiche, in tantissimi scelgono di utilizzare mezzi alternativi rispetto alla consueta automobile. I mezzi pubblici, a parte qualche sciopero di venerdì, funzionano abbastanza bene, anche se nelle ore di punta c'è sempre un sovraffollamento della metropolitana. Di recente, dunque, sono stati creati più servizi di car sharing e bike sharing. Viene 'noleggiata' una macchina nelle vicinanze e lasciata in strada, poi la prenderà qualcun altro. Lo stesso vale per le bici e i monopattini. Ci sono anche però, coloro i quali preferiscono usare la loro di bicicletta... L'importante è che lo facciano con cognizione di causa!

Roma, non rispetta il rosso e attraversa in bici: i carabinieri gli urlano dietro una frase epica

Purtroppo i ciclisti spesso sono convinti di essere dalla parte del giusto anche quando non lo sono. Ad esempio, considerando che il loro è un vero e proprio mezzo di trasporto, non dovrebbero mai e poi mai avanzare sul marciapiede, ma restare nelle loro apposite aree o in mezzo alla strada, il più a destra possibile. Anche quest'ultimo concetto, in verità, non sembra aver 'attecchito' nelle menti di chi guida bici. In ogni caso, una volta che si monta su tale mezzo, bisogna rispettare completamente le regole della strada. Non solo per il bene di chi guida, ma anche per quello degli altri. In primis un ciclista dovrebbe sempre avere un casco sulla testa, in secondo luogo non dovrebbe attraversare se il segnale è rosso per le auto.


In effetti è proprio questo ciò che ha fatto un ragazzo (che a primo acchito sembra essere un rider). Proprio lui si è lanciato attraverso la strada ignorando il segnale. Peccato - per lui - che al semaforo ci fossero i carabinieri. Con una prontezza pazzesca questi ultimi hanno afferrato il megafono e hanno urlato al ragazzo una frase comica e tragica allo stesso tempo, certamente surreale: "Ao, guarda che è rosso pure per te". A far sorridere è l'accento romano, ma anche il modo di raccontare una grande verità. La segnalazione viene dalla pagina Instagram @parcheggiodastr***o.

LEGGI ANCHE: "La Liguria in un cartello", nel parcheggio in provincia di Savona compare un avviso esilarante