Napoli, nei Quartieri Spagnoli compare un cartello infame: le indicazioni 'speciali' per il Murale di Maradona

Il 2023 di Napoli, dal punto di vista turistico, è stato eccezionale. La città ha avuto numeri più alti rispetto al 2019 grazie (anche) alla vittoria dello Scudetto 33 anni dopo l'ultima volta. Uno dei luoghi più visitati della città è stato ed è ancora il largo 'Maradona', nella parte alta dei Quartieri Spagnoli.

A prescindere da come andranno i mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre, il 2023 della città di Napoli, dal punto di vista delle presenze turistiche, sarà comunque eccellente. Il capoluogo della Campania dal 2015 al 2019 aveva visto crescere costantemente il numero di persone che l'avevano scelta per una vacanza breve o lunga. Poi il Covid, come nel resto del mondo, ha arrestato la parabola ascendente della città, che tuttavia si è ripresa alla grande nel 2022.

A partire da fine marzo 2023, quando diventava sempre più chiaro che il Napoli avrebbe vinto lo scudetto, c'è stato un nuovo forte aumento delle presenze turistiche. Alcune serie tv di grande successo hanno fatto il resto, così come il fatto che Napoli, bene o male, è la grande città italiana più economica in assoluto, almeno per quanto riguarda alloggi e cibo. Moltissime persone, soprattutto straniere, hanno approfittato del momento favorevole per studiare da vicino la nota passione dei napoletani per il gioco del calcio. Se lo stadio si trova lontano dal centro storico, nella parte più turistica è situato l'ormai celebre murale di Maradona, che probabilmente a fine 2023 risulterà una delle dieci opere d'arte più fotografate al mondo.

Napoli, l'indicazione infame per il murale di Maradona

Le ondate di turisti che hanno affollato i vicoli stretti dei Quartieri Spagnoli hanno portato conseguenze negative e positive per gli abitanti di Napoli. Chi gestisce case vacanza, b&b, pizzerie, rosticcerie, spritzerie e affini, ne ha beneficiato. Dall'altra parte, ci sono residenti che campano d'altro che hanno avuto difficoltà negli spostamenti, nei riposi pomeridiani e notturni e, in casi limite, hanno trovato brutte sorprese sotto casa portate da turisti ubriachi. Non a caso, un commerciante dei Quartieri Spagnoli, stanco di rispondere alla solita domanda: "Dov'è il murale di Maradona?", ha ideato questo cartello infame, esposto in bella vista:

Il cartello infame situato nei Quartieri Spagnoli da un negoziante stanco di rispondere alle domande sul Murale di Maradona
Il cartello infame situato nei Quartieri Spagnoli da un negoziante stanco di rispondere alle domande sul Murale di Maradona

A volte, nella vita, i formalismi vanno evitati. "Non chiedere" è un ordine molto perentorio che lascia intendere come il negoziante in questione, negli scorsi mesi, sia stato bombardato di domande e non abbia più né la voglia, né il tempo, né l'energia di continuare a farlo. Anche perché per raggiungere il Murale di Maradona, non c'è bisogno di essere esperti esploratori: esiste Google Maps e, in generale, basta seguire la massa. Il 2023 si chiuderà tra poche settimane. Per Napoli e per il Napoli, è stato un anno grandioso. Per quanto i fatti di cronaca recente non siano per niente positivi, il bilancio si prospetta comunque positivo.

LEGGI ANCHE: Napoli, sulla lavagnetta in strada si legge la scritta più sincera di sempre: "L'alcool fa male, ma..."