"Speravo di mangiare cibo italiano in Giappone, guardate cosa mi hanno servito", la testimonianza della tiktoker

Una tiktoker voleva mangiare cibo italiano in Giappone, ma è rimasta piuttosto delusa da quello che le hanno portato. Tra pizze con ingredienti insoliti e piatti che con l'Italia hanno poco a che fare, non è andata come sperava. Chi l'avrebbe mai detto?

La globalizzazione è finita e, oggi, i suoi effetti si vedono chiaramente su molte città mondiali. Soprattutto quelle nazioni che si sono aperte alle influenze straniere, sono profondamente cambiate rispetto a trent'anni fa. Alcuni brand internazionali appaiono ovunque e anche l'alimentazione stessa degli abitanti del pianeta è cambiata. Oggi gli italiani mangiano cibo hawaiano, gli americani adorano le pietanze cinesi e i giapponesi hanno scoperto quanto è buona e saporita la cucina messicana.

Proprio il Giappone, per quanto orgoglioso delle proprie tradizioni, ha visto una vera e propria esplosione del cibo straniero. Basti solo pensare che i giapponesi, che non festeggiano il Natale, hanno creato dal nulla l'usanza di mangiare pollo fritto a Natale (23, 24 o 25 dicembre sono i giorni di maggiore consumo), come omaggio alla cultura americana che tanto li ha influenzati. In Giappone abbondano anche i ristoranti italiani; più che la pasta, tuttavia, i giapponesi adorano la pizza. Non è un caso che decine e decine di abilissimi pizzaioli napoletani abbiano lasciato la loro città per portare in Giappone la vera pizza napoletana (usando il lievito madre e tutti gli ingredienti necessari, cucinandola nel forno a legna).

Il cibo italiano in Giappone

La tiktoker Hito Bito ha provato il cibo di 'Saizeriya', una nota catena di fast food giapponese che offre cibo "italiano" (le virgolette sono d'obbligo) a basso prezzo. Molti studenti vengono qui per mangiare qualcosa di diverso a prezzi convenienti. D'altronde, è molto probabile che i giapponesi minorenni non siano mai stati in Italia, per cui non hanno idea del sapore del vero cibo italiano. Hito Bito ha ordinato la pizza con il mais dolce, un'altra finta pizza con un affettato imprecisato, una copia della pasta alla bolognese e una sorta di lasagna fatta con il riso. Prima di cibarsi, ha bevuto un cappuccino, definito "parecchio blando".

@hito.bito

Not the italian restaurant we wanted but the one we deserve #japanlife #japantravel #japanfood #gingerinjapan #saizeriya

♬ original sound - Mr. Ratburn

A metà del video, la ragazza afferma che il motivo per cui molti visitano questo posto sono le bevande illimitate a 2€. La pizza con il mais, come prevedibile, non l'ha entusiasmata, così come gli spaghetti alla 'bolognese'; la lasagna con il riso, invece, era "molto buona", a conferma del fatto che i giapponesi con il riso ci sanno fare. Non è chiaro se il tiramisù le sia piaciuto, ma afferma che è "economico" e che "va bene così". Il giudizio complessivo? Negativo. "Quando un posto è alla portata, non vuole necessariamente dire che valga la pena andarci e spendere soldi".

LEGGI ANCHE: Giappone, "Le due usanze più assurde e geniali riguardano i bagni pubblici": la dimostrazione di un TikToker italiano