Preside della scuola si rifiuta di mettere distributori di assorbenti gratuiti per le ragazze: alunni gli danno una lezione memorabile

Un preside si è rifiutato di inserire nella scuola in cui lavora distributori di assorbenti femminili gratuiti: così gli allievi gli hanno dato una lezione memorabile

Gli assorbenti sono una necessità primaria, soprattutto per le ragazzine delle scuole medie che potrebbero avere le mestruazioni per la prima volta proprio mentre sono in classe. Tante persone ritengono che prodotti sanitari di questo genere dovrebbero essere forniti gratis all'interno degli istituti scolastici. Questo aiuterebbe soprattutto le giovani donne non proprio ricche, che spesso sono obbligate a non partecipare alle lezioni per tale fastidio mensile.

Ebbene, proprio presso una scuola media, alcune ragazze hanno chiesto di avere dei prodotti sanitari nel bagno dell'istituto. Dal momento che il preside era contrario all'idea, hanno trovato un modo per protestare nei suoi confronti piuttosto creativo. Se ci sono delle scuole in cui le ragazze trovano gli assorbenti sempre a portata di mano, quella del dirigente in questione proprio non è una di queste. Secondo lui le giovani donne con distributori di tamponi, avrebbero 'abusato del privilegio'. Così, invece di arrendersi, gli allievi hanno deciso di mostrare la loro indignazione con dei biscotti... A forma di tamponi. E sì, l'idea è geniale e la lezione impartita al preside memorabile.

Preside dice no agli assorbenti distribuiti gratis a scuola: gli allievi gli fanno uno scherzo di cattivissimo gusto (per lui)

Il modo in cui abbia reagito il preside non si conosce, ma la storia è diventata ben presto virale su Twitter ed è piaciuta proprio a tutti. "Amo i bambini dei giorni d'oggi", ha scritto un uomo. "Quando avevo la loro età, non avremmo mai neanche detto assorbente a voce alta". Qualcuno ha aggiunto: "Ogni generazione sta facendo sempre di più proprio il femminismo nell'educare i figli".

I più severi hanno suggerito: "Le ragazze dell'istituto devono riunirsi e prendere questa decisione: tutte le volte che hanno necessità di un tampone, scavalchino tutte le altre istituzioni a scuola e vadano a chiederne uno al preside in prima persona". Altri hanno scherzato: "Probabilmente le ragazze dovrebbero far vedere che non approfittano degli assorbenti gratuiti restituendoli al dirigente quando hanno finito di usarli". Sì, quest'immagine è decisamente 'splatter'.

Assorbenti
Biscotti a forma di assorbenti presentati al preside della scuola

Non è mancato chi ha chiesto: "Abusare di loro in che senso? Si può andare in overdose da assorbenti?". In mezzo alle tante esperienze, ve n'è una di un'insegnante che ha raccontato di come nel suo istituto vengano forniti assorbenti e di come un'allieva un giorno le abbia detto quanto fosse bello avere un cesto di tamponi a disposizione: "Era impanicata perché non aveva sterline o un passaggio fino al negozio e gli assorbenti erano lì, gratis. Così ha potuto rimanere in classe".

LEGGI ANCHE: Roma, TikToker consiglia: "Hanno aperto un giardino incantato di 40mila metri quadrati che di notte è davvero spettacolare: come raggiungerlo"