De Luca fa una dichiarazione scioccante: "Dobbiamo passare alla lotta armata per ottenere i fondi europei"

Nell'articolo si parla della forte presa di posizione di Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, sul Fondo di Sviluppo e Coesione e sull'importanza di sbloccare i finanziamenti strutturali europei per risolvere la situazione di arretratezza del territorio del sud Italia. De Luca ha usato toni sarcastici e forti, parlando anche della lotta armata per far sì che i finanziamenti possano entrare nelle casse regionali. Inoltre, si evidenzia come il governo centrale sia sempre concentrato sugli investimenti al Nord, trascurando il Sud e le sue esigenze.

Di cosa parliamo in questo articolo...

  • Vincenzo De Luca fa toni sarcastici riguardo al Fondo di Sviluppo e Coesione
  • De Luca fa un riferimento alla lotta armata per ottenere i finanziamenti europei
  • Il governo è accusato di bloccare i finanziamenti da dieci mesi
  • De Luca critica la politica italiana per concentrare gli investimenti solo al Nord
  • De Luca partecipa a un evento politico a favore di un candidato sindaco

Vincenzo De Luca: la lotta per ottenere i finanziamenti europei

Vincenzo De Luca, il Presidente della Regione Campania, si è espresso in toni sarcastici ma decisi riguardo al tema del Fondo di Sviluppo e Coesione. Il suo obiettivo è quello di fare in modo che i finanziamenti strutturali europei possano finalmente entrare nelle casse regionali e finanziare quelle opere necessarie per risolvere la condizione di arretratezza a cui il territorio è condannato.

A margine della Borsa Mediterranea Formazione e Lavoro a Napoli, De Luca ha dichiarato: “Sul Fondo sviluppo e coesione più di quello che abbiamo fatto è difficile fare. Dobbiamo fare solo appello alla lotta armata. Siamo bloccati da dieci mesi. I primi cinque li ha fatti perdere il governo Draghi perché il riparto poteva essere già formalizzato a luglio scorso”.

Il Presidente ha inoltre criticato l'attuale governo, sostenendo che si metta "da sopra" e che stia facendo perdere altro tempo. De Luca ha chiesto al ministro Fitto di sbloccare i fondi sviluppo e coesione, per poi discutere insieme il coordinamento che va fatto tra le diverse fonti di finanziamento.

Questo atteggiamento di De Luca non è una novità, poiché egli è sempre pronto a sottolineare lo sfavore con cui vengono prese le decisioni a livello centrale rispetto alla Campania ed al Sud in generale. La politica italiana, a suo avviso, si conferma padano centrica e concentra gli investimenti soltanto al Nord, sia per quanto riguarda la sanità, le infrastrutture, sia per il lavoro.

Ma De Luca non si limita a lottare per ottenere i finanziamenti europei, infatti oggi è atteso a Salerno, dove interverrà a favore del candidato sindaco Vincenzo Napoli, impegnato nel contrasto all'egemonia della destra. Le votazioni si terranno i giorni 28 e 29 maggio 2023.

In conclusione, De Luca si conferma una figura politica combattiva e determinata nel diffondere la sua visione del Sud e nella lotta per l'ottenimento dei finanziamenti necessari per la crescita della sua regione e del Paese.

De Luca in una nostra interpretazione artistica

Il sarcasmo di Vincenzo De Luca sulla questione dei finanziamenti strutturali europei è un segnale di come la politica italiana continui a concentrare investimenti e attenzioni solo al Nord del Paese, lasciando il Sud in una situazione di arretratezza. Eppure, come ha dimostrato la pandemia, la salute e lo sviluppo economico del Mezzogiorno sono strettamente collegati a quelli del resto del Paese. È ora di porre fine a questa ingiustizia storica e di investire risorse e attenzioni nei territori meridionali, per il bene di tutto il Paese.

Il presidente De Luca: "Serve la lotta armata per sbloccare i fondi di sviluppo e coesione"

Il Presidente De Luca, nello stesso tono sarcastico a cui ci ha abituato, ha espresso la sua preoccupazione riguardo al Fondo di Sviluppo e Coesione e alla difficoltà di sbloccare i finanziamenti strutturali europei. È chiaro che la Campania e il Sud in generale necessitano di un intervento deciso per risolvere la loro condizione di arretratezza. Siamo d'accordo che si debba trovare un coordinamento efficace tra le diverse fonti di finanziamento, ma è importante non scoraggiarsi e continuare a perseguire gli obiettivi di sviluppo e crescita della nostra regione. E voi, cosa ne pensate delle parole di De Luca sul Fondo di Sviluppo e Coesione?