Il mistero della relazione tra Gates e l'amante russa: Epstein minacciava di rivelare tutto

Il Wall Street Journal ha riportato di una possibile minaccia ad opera del trafficante di minorenni Jeffrey Epstein a danno di Bill Gates riguardo una relazione segreta con la giocatrice di bridge russa Mila Antonova. La storia risale al 2017, ma non è ancora chiaro se Gates abbia pagato la somma richiesta da Epstein per mantenere la relazione segreta. Il rapporto tra Gates e Antonova è nato proprio grazie alla passione per il bridge, e la donna aveva chiesto aiuto a Epstein per una raccolta fondi che il miliardario aveva organizzato. Epstein aveva poi chiesto a Gates la restituzione del denaro stanziato, e minacciato di rivelare la loro relazione.

Di cosa parliamo in questo articolo...

  • Epstein minacciò Gates di rivelare una relazione segreta con Mila Antonova
  • La relazione tra i due risale a circa 20 anni fa
  • Epstein chiese a Gates un miliardo di dollari per non rivelare la storia
  • Non è chiaro se Gates abbia pagato la somma richiesta
  • Epstein era un trafficante di minorenni e morì suicida in carcere nel 2019

Il ricatto di Epstein a Bill Gates: la storia di una relazione con una giocatrice di bridge

Una notizia che sta facendo molto parlare di sé riguarda il ricatto che Jeffrey Epstein avrebbe fatto a Bill Gates, minacciando di rivelare una relazione che il co-fondatore di Microsoft avrebbe avuto con una giovane campionessa di bridge russa di nome Mila Antonova. Epstein avrebbe chiesto a Gates un miliardo di dollari per mantenere il silenzio, ma non è chiaro se l'imprenditore abbia effettivamente pagato la somma richiesta.

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, che cita fonti anonime, la relazione tra Gates e Antonova sarebbe iniziata circa 20 anni fa ed è rimasta segreta per molto tempo. Epstein sarebbe venuto a conoscenza del fatto dopo aver conosciuto la giovane giocatrice di bridge, con cui aveva stretto amicizia.

Il rapporto tra Gates e Antonova sarebbe nato proprio grazie al bridge, gioco di cui entrambi erano appassionati, e avrebbe avuto un ruolo importante nella vita della giovane russa. Antonova infatti, dopo aver pubblicato un video su YouTube in cui raccontava di aver giocato con il co-fondatore di Microsoft, aveva deciso di avviare un progetto per insegnare a giocare a bridge online e aveva cercato di raccogliere fondi per realizzarlo.

Fu proprio in questo contesto che Antonova conobbe Epstein, grazie all'aiuto di Boris Nikolic, un amico di Gates, che la presentò all'imprenditore per aiutarla nella sua raccolta fondi. L'incontro tra i due avvenne a casa di Epstein a New York, vicino a Central Park, dove Antonova chiese al trafficante di minorenni mezzo milione di dollari per realizzare il suo progetto. Epstein però rifiutò di darle i soldi, eppure i due rimasero in contatto e Antonova si trasferì nella sua abitazione a New York.

Fu in questo periodo che Epstein chiese a Gates di partecipare a una raccolta fondi che aveva organizzato per Jp Morgan, con l'obiettivo di raggiungere i 100 milioni di dollari. Gates rifiutò di partecipare e fu allora che Epstein inviò una mail minacciosa, affermando di essere a conoscenza della relazione segreta tra Gates e Antonova e chiedendo la restituzione dei soldi che lui aveva stanziato per la scuola di informatica frequentata dalla giovane russa.

Nonostante l'incriminazione per traffico sessuale di minorenni, Epstein respinse tutte le accuse e il caso fu archiviato come suicidio dopo la sua morte in carcere nel 2019. Il divorzio di Bill Gates da sua moglie Melinda, avvenuto due anni dopo l'avvenimento, ha portato alla luce questa storia che, per quanto riguarda la veridicità delle fonti, potrebbe essere solo un rumor.

Epstein in una nostra interpretazione artistica

La vicenda di Epstein e Gates ci ricorda che la moralità e l'etica non sono solo questioni personali, ma anche questioni di lealtà e di giustizia. Non dovremmo permettere a chi ha comportamenti riprovevoli di ricattare e minacciare, ma dobbiamo invece contrastarli e denunciarli. L'importanza del rispetto delle norme e dei principi deve sempre prevalere sull'egoismo e sulla paura delle conseguenze. I potenti non dovrebbero essere al di sopra delle leggi, altrimenti la società perde la sua integrità.

Jeffrey Epstein minacciò Bill Gates di rivelare la relazione con la russa Mila Antonova, rivelato dal Wall Street Journal

L'articolo riporta delle accuse gravissime nei confronti di Bill Gates e il suo legame con il trafficante di minorenni Epstein. Come sempre, è importante sottolineare che queste sono solo delle voci e che non ci sono prove a sostegno. In ogni caso, è preoccupante pensare che persone così potenti potrebbero essere soggette a ricatti simili e speriamo che le autorità competenti facciano luce sull'accaduto. Che opinione hai sull'argomento? Pensi che la verità verrà a galla?