giovedì, Febbraio 9, 2023

Natale, per gli studenti è più facile andare a New York che tornare a casa: la situazione paradossale

Natale è sinonimo di famiglia, di riunione e di casa; peccato che per molti studenti tornare per le Feste è sempre più difficile

Mancano pochissimi giorni a Natale: fra 5 giorni, infatti, arriverà la vigilia e migliaia e migliaia di studenti italiani fuorisede partiranno per arrivare giusto in tempo per la cena natalizia. Gli studenti, così come i lavoratori che si sono trasferiti altrove, potranno finalmente riabbracciare le loro famiglie, cenare con loro, scambiarsi i regali e raccontarsi aneddoti e condividere esperienze vissute nel corso dell'anno.

Questo momento è atteso tantissimo dagli studenti, dai lavoratori e dalle loro famiglie, che non vedono l'ora di passare importanti momenti con i loro cari. Sfortunatamente, però, quest'anno potrebbe essere davvero difficile, soprattutto per gli studenti, tornare a casa in tempo per Natale. A denunciare questo problema è stata Assoutenti, l'Associazione no profit per la tutela dei consumatori, che ha stilato una relazione sui costi che gli studenti dovranno sostenere per riuscire a tornare a casa a rivedere i propri parenti.

Natale senza i parenti: ecco perché

Secondo i dati riportati dall'Associazione, infatti, il prezzo dei biglietti di autobus, treni e aerei è nettamente aumentato rispetto agli anni scorsi. Il caro trasporti, collegato al problema del caro energia e, in generale, alla crisi economica che il Paese sta affrontando in questo momento, ha raggiunto livelli davvero alti e rischia di diventare un ostacolo davvero importante alla riunione tra parenti e figli studenti. Soprattutto per chi vorrebbe prendere un aereo. Secondo il rapporto Assoutenti, pubblicato anche da ANSA, il biglietto di un aereo da Roma a Palermo può costare dai 254 euro, per chi parte il 23 dicembre, fino addirittura a superare i 510 euro per chi vola il 20 dicembre.

La situazione paradossale è che, lo stesso giorno, il biglietto del volo da Roma a New York ha un prezzo di 459 euro, in media. Insomma, circa 50 euro in meno rispetto al volo Roma-Palermo. Per gli studenti siciliani che vivono a Roma, dunque, potrebbe essere più facile passare la vigilia di Natale e il Natale nella Grande Mela che a casa con i propri parenti. E se questo potrebbe far piacere ad alcuni viaggiatori, non è lo stesso per la stragrande maggioranza degli studenti che vorrebbero rivedere i loro cari. Per questo motivo, Assoutenti ha denunciato la situazione, sottolineandone il paradosso e la stranezza. Riusciranno i giovani studenti a tornare a casa? Noi lo speriamo.

LEGGI ANCHE>>>Inps Natale, ecco la lista degli accrediti che arriveranno prima del 25 dicembre

LEGGI ANCHE...