sabato, Dicembre 3, 2022

L'ex marito di Manila Nazzaro indagato per 'ndrangheta: il calciatore Francesco Cozza è sotto accusa

Gravi problemi con la legge per l'allenatore di calcio Francesco Cozza. L'ex capitano del Reggina, noto anche per la sua storia con Manila Nazzaro, è indagato per un motivo molto serio. Ecco cosa sta succedendo

Gli amanti del calcio conoscono sicuramente Francesco Cozza. Nato a Cariati nel 1974, "Ciccio" Cozza ha militato in diverse squadre, tra cui il Milan di Fabio Capello e la Reggina. È in quest'ultima squadra che Cozza ha iniziato la sua carriera e di cui è poi, dopo anni, diventato capitano. Dopo aver dimesso le vesti da calciatore, Francesco Cozza è diventato allenatore di calcio. Prima del suo amato Reggina, squadra della città di Reggio Calabria che attualmente gioca in Serie B, poi del Catanzaro e del Pisa. Attualmente, lo sportivo allena il San Luca.

Francesco Cozza è noto anche per la sua storia d'amore con la conduttrice televisiva Manila Nazzaro. I due si sono sposati nel 2005 e sono stati insieme per dodici anni, fino al 2017. Manila Nazzaro, ex Miss Italia ed ex concorrente del Grande Fratello Vip, è la madre dei suoi due figli Nicolas e Francesco. La separazione è avvenuta dopo che la presentatrice foggiana ha scoperto che suo marito aveva una "famiglia parallela". Nonostante questa grande delusione, dopo il divorzio i due sono restati amici, come riporta IlSussidiario.net.

L'ex calciatore ha condotto una vita pressoché tranquilla dopo la fine del suo matrimonio. O almeno, così si pensava.

Legami con la 'Ndrangheta: Francesco Cozza è tra i sospettati

francesco cozza

The Pipol Gossip ha appena riportato che l'ex calciatore 48enne è stato indagato per rapporti con la mafia calabrese. Il centro operativo Dia di Reggio Calabria, nell'ambito dell'operazione "Planning", ha inserito Francesco Cozza nel registro degli indagati insieme ad altre diciannove persone. Il reato per il quale è indagato è quello di associazione per delinquere, aggravato dal favoreggiamento della 'ndrangheta. In particolare, l'allenatore del San Luca avrebbe commesso, secondo i pubblici ministeri, "una pluralità di episodi di trasferimento fraudolento di valori, di riciclaggio e di autoriciclaggio". Le indagini riguardano più precisamente la realizzazione di alcuni centri commerciali in Abruzzo da parte della società Business Group. Cozza, spiega Il Corriere della Calabria, potrebbe essere tra gli intestatari fittizi di partecipazioni sociali e ruoli amministrativi in tali centri commerciali.

Le indagini sono ancora in corso e non è ancora chiaro se l'ex calciatore di Cariati è effettivamente coinvolto o meno. Siamo in attesa di ulteriori aggiornamenti.

LEGGI ANCHE>>>"Copriti, hai 50 anni", Manila Nazzaro travolta dalle critiche per colpa di questo vestito

LEGGI ANCHE...