venerdì, Agosto 19, 2022
HomeCuriositàSorella di Ornella Muti, questione droga dello stupro: novità importanti dal Tribunale

Sorella di Ornella Muti, questione droga dello stupro: novità importanti dal Tribunale

Claudia Rivelli, sorella della più celebre Ornella Muti, è un’ apprezzata ex modella che ha riscosso grande successo durante gli anni 70 ed 80. Non molto tempo fa, però, è stata al centro di una sconvolgente vicenda giudiziaria che si è conclusa solo poche ore fa. Vediamo cosa è accaduto

La carriera di Claudia inizia molto tempo fa esordendo in diversi spot pubblicitari del mitico “Carosello”. Gran parte della sua popolarità, però, la si deve ai fotoromanzi. Nelle vesti di Susan Heim in “Le avventure di Jacque Douglas”, infatti, riesce a riscuotere un notevolissimo successo e verrà a lungo ricordata per quel personaggio. Ha figurato, ovviamente, anche in altre opere del genere. Ricordiamo, allora, l’ottimo lavoro fatto in “La ragazza del cantante” e “Meravigliosa Odette”. L’ultimo fotoromanzo in cui compare, invece, è “Una finestra sul mattino”.

Oltre ad essere molto celebre per essere la sorella di Ornella Muti, poi, è anche parecchio famosa per aver sposato il figlio dell’ex presidente della repubblica Giovanni Leone, Paolo. Dal loro amore sono nati due figli, Luca e Giovanni. Proprio riguardo quest’ultimo, ci sarebbero delle voci che lo vedrebbero coinvolto in prima persona nella sconcertante vicenda giudiziaria capitata a sua madre. Il 15 settembre dell’anno scorso, infatti, la Rivelli è stata arrestata per essere stata trovata in possesso di droga.

Ecco cosa è accaduto quel giorno e come si è conclusa la faccenda

Stando agli inquirenti e a quello che è possibile trovare sul web, Claudia avrebbe custodito, celato e spedito a suo figlio Giovanni Maria, residente all’estero, un determinato quantitativo di  gamma-butirrolattone, o GBL, volgarmente detta “droga dello stupro”. Pare, oltretutto, che quella in cui sia stata colta in flagrante non fosse neanche l’unica volta in cui avrebbe commesso il reato. Gli inquirenti, infatti, hanno contestato alla Rivelli ben 8 condotte illecite. Le parole dell’ex modella per difendersi, oltretutto, non sono neanche state tra le più credibili.

Claudia, infatti, ha spiegato alle forze dell’ordine che quella sostanza veniva impiegata da lei e da suo figlio soltanto per pulire la macchina o specifiche superfici della casa. Inutile dire, allora, che ai tempi di questa dichiarazione l’ironia sul web sia stata davvero incontenibile. Ultimamente, però, sono giunte ulteriori notizie riguardo l’accaduto. L’ex attrice di fotoromanzi, infatti, ha recentemente patteggiato 1 anno e 5 mesi di condanna e la pena verrà ratificata dal Gup nei prossimi giorni. Sembra che sia stata messa, allora, finalmente la parola fine sull'accaduto. Non ci rimane che sperare, a questo punto, che la prossima volta che ci sia bisogno di pulire casa della brava Rivelli, non si cerchi di acquistare nuovamente delle droghe pesanti sul dark web.

LEGGI ANCHE: Ornella Muti, la famiglia si allarga: il lieto annuncio sui social

LEGGI ANCHE...