martedì, Dicembre 7, 2021
HomeCuriositàStraordinaria scoperta al Sud: è la nave romana meglio conservata d'Italia

Straordinaria scoperta al Sud: è la nave romana meglio conservata d'Italia

La scoperta sensazionale nelle acque pugliesi aggiunge un altro tassello alla già ricca storia della regione

E' stata una scoperta incredibile quella fatta nell'area di Torre Santa Sabina nella provincia di Brindisi in Puglia: un relitto di epoca romana. La nave risulta il reperto archeologico subacqueo meglio conservato, infatti ha mantenuto delle parti sovrastrutturali quasi intatte e molti materiali, oltre a effetti personali dei marinai e la rimanenza di alcuni cibi consumati dall'equipaggio.

Anche se il relitto è stato scoperto nel 1972 da alcuni giovani subacquei nelle acque di Torre Santa Sabina (nel sito che ora prende il nome di 'Baia dei Camerini) e ne recuperarono alcuni materiali, solo ora lo scavo ha accesso struttura nella sua interezza, distinguendone con esattezza i contorni. Il relitto, precisamente una nave mercantile, è databile tra la fine del III secolo e gli inizi del IV secolo dopo Cristo ed è il relitto meglio conservato del Mediterraneo.

Sembra che questa zona fosse un punto nevralgico per il commercio, dalla protostoria per passare all'epoca greco -romana fino al medioevo e all'età moderna. Il sito assume tale rilevanza storica che la stessa Università del Salento la realizzazione di un museo subacqueo, al fine di garantire l'integrità dei prezioso ritrovamento e dei reperti al suo interno, parte di un patrimonio archeologico dal valore inestimabile.

A parlare dell'enorme rilevanza della scoperta è la professoressa in Archeologia Subacquea dell'Università del Salento, Rita Auriemma, in un'intervista  a 'La Repubblica': "Doveva essere di 26 - 28 metri, perché la chiglia, totalmente conservata, è di 14 metri. Dai reperti recuperati si è ipotizzato che venisse dalle coste tunisine: l'aveva già suggerito un'anfora integra rinvenuta nel 2007, ora se n'è aggiunta un'altra  .E' ben conservata perché è stata naturalmente coperta da una specie di coltre, un cuscino materiale vegetale degradato che ha attecchito sulle ramaglie sul fondo della stiva, e poi sabbia e pietrame hanno compresso quel cuscino e fatto da collante."

 

LEGGI ANCHE...