mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomePersonaggiGiucas Casella svela come sono nati i suoi poteri: "Caddi in un...

Giucas Casella svela come sono nati i suoi poteri: "Caddi in un pozzo, mia madre..."

L'illusionista siciliano in queste ultime ore ha raccontato un retroscena sul suo passato, rivelando come si rese conto di avere abilità fuori dal comune

Giucas Casella è senza dubbio uno dei nomi più chiacchierati del Grande Fratello Vip 6, soprattutto per le sue capacità di trasferire agli altri concorrenti della casa energie positive. A tal proposito, l'illusionista siciliano in queste ultime ore ha raccontato un retroscena sul suo passato. Giucas ha rivelato di quando si rese conto di avere abilità fuori dal comune.

"Mia madre era sordomuta. Non è come oggi, all'epoca non si poteva fare molto. Io da piccolo sono cascato nel pozzo e urlavo. Eravamo in campagna, mia madre però non mi sentiva. Il pozzo non era profondo, ma potevo annegare, c'era molta acqua. Ragazzi ho urlato per tantissimo tempo, poi è successo qualcosa. Con la forza del pensiero lei è stata guidata in mio soccorso. Se voi siete fuori e comunicate con vostra madre, lei avvertirà. Ci sono così tante energie, forze speciali.

Noi possediamo così tante cose che nemmeno sappiamo. Invece dico di non fissarsi su strane magie e carte, quelle sono altre cose fidatevi. Noi non abbiamo bisogno di troppe cose, abbiamo già le energie dentro. Io sono contro queste cose, come le sedute spiritiche e la cartomanzia. Chiariamo, gli spiriti e gli esorcismi esistono. Così come chi pensa negativamente e ti arriva, l'invidia e le cose. Ma non mi piacciono e ne sto alla larga. Poi ci sono luoghi con cattive energie e altri con buone. Qui dentro? Alcuni angoli le hanno migliori altri peggiori". Giucas Casella poi ha chiuso la sua storia con una riflessione molto bella: "E ricordatevi che la vera magia sono la medicina e la scienza".

La scoperta dei poteri

"Lo scampato pericolo tiene comunque desto lo stupore del padre che conduce il bambino dal sacerdote del paese per farlo benedire e in qualche modo 'liberarlo' dallo spirito anomalo che lo 'possiede': è la cara figura di Don Sarullo a liberare i comprensibili timori dei signori Casella, licenziando i poteri del futuro Giucas come dono di Dio, profetizzando per lui un roseo avvenire - si legge sul sito ufficiale di Giucas Casella - In età adolescenziale accadde un altro episodio che rende consapevole dei suoi poteri lo stesso Giucas, che, di ritorno dalla campagna, s'imbatte in una vipera: preso dal terrore, rimane pietrificato a fissare il piccolo rettile che rimane paralizzato e immobile.

Il repertorio degli eventi 'anomali' da quel momento si infittisce ed è lunga la lista dei compagni e professori che incombono inconsapevoli, vittime dei suoi esperimenti ormai gestiti con controllo e determinazione. Don Sarullo gli offre la prima occasione per spettacolarizzare i suoi poteri nella sala parrocchiale del paese: ha quattordici anni e guadagna il primo lungo applauso della sua vita".

LEGGI ANCHE...