domenica, Ottobre 24, 2021
HomeRegione PugliaGlobal Student Prize 2021, un giovane meridionale tra i 10 migliori studenti...

Global Student Prize 2021, un giovane meridionale tra i 10 migliori studenti al mondo

Mirko è stato scelto tra oltre 3.500 candidature provenienti da 94 paesi: è stato premiato per il suo impegno contro il bullismo, in particolare grazie alla sua startup "MABASTA"

Grande traguardo per il 20enne leccese Mirko Cazzato, studente della WeDo Academy scelto tra i 10 finalisti del Global Student Prize 2021 di Chegg.org. Si tratta di un nuovo premio che mette in palio 100mila dollari per uno studente fuori dal comune, qualcuno che ha avuto un impatto concreto sulla scuola, sui compagni e sulla società in generale. A pesare sulla scelta di Mirko è stato il suo impegno contro il bullismo, in particolare grazie alla sua startup "MABASTA".

Quest'anno la Varkey Foundation ha lanciato il Global Student Prize di Chegg.org, il gemello del Global Teacher Prize da un milione di dollari. Un modo per creare una piattaforma che dia spazio agli sforzi di studenti straordinari in tutto il mondo. Il premio è aperto a tutti gli studenti di età pari o superiore a 16 anni iscritti a un istituto accademico o a un programma di formazione professionale, compresi gli studenti part-time e gli iscritti ai corsi online.

Vent'anni appena compiuti, Mirko Cazzato si è diplomato nel 2020 presso l'Istituto "Galilei-Costa" di Lecce e ora frequenta un corso presso la WeDo Academy. All'età di 14 anni, nel 2016, durante il primo anno di liceo, ha dato vita alla startup sociale "MABASTA" insieme ad altri studenti della sua classe. La mission di questa idea emerge dal suo stesso acronimo: "Movimento Anti Bullismo Animato da Studenti Adolescenti".

A partire da giugno 2020 Mirko ha fatto crescere la startup, facendola conoscere in tutta Italia. Ha dato vita al progetto "1000 a 0 - Sport Vince Bullismo Perde": ha coinvolto lo sport italiano, con la collaborazione e il patrocinio di 34 Federazioni Sportive Nazionali, dello Sport e della Salute (Coni), del Comitato Italiano Paralimpico, di 4 Leghe Nazionali, così come squadre e team in tutta Italia.

Quando si chiede a Mirko perché è stato scelto tra oltre 3.500 candidature provenienti da 94 paesi, risponde: "Il Global Student Prize non cerca gli studenti migliori, ma quelli che riescono ad avere un impatto positivo sulla comunità. Ero selezionato per via di 'MABASTA'. E' un acronimo che sta per Movimento Antibullismo Animato da Studenti Adolescenti. Tutto è iniziato nel 2016 quando ero al primo anno dell'Istituto Tecnico Economico Galilei-Costa-Scarambone di Lecce. C'è stato il caso di una dodicenne di Pordenone che aveva tentato il suicidio perché vittima di bullismo. Io e i miei compagni siamo rimasti scioccati. Abbiamo deciso che dovevamo fare qualcosa. Nasce così il primo movimento popolare contro il bullismo e il cyberbullismo".

L'iniziativa è stata subito un grande successo: "Siamo stati ricevuti da Mattarella e da Papa Francesco. Siamo stati anche a Sanremo. Volevamo sollevare un polverone e ci siamo riusciti. Solo in seguito abbiamo messo a punto il nostro modello antibullismo, che ormai è stato adottato da centinaia di scuole".

LEGGI ANCHE...