domenica, Ottobre 24, 2021
HomePersonaggiGigi D'Alessio, il figlio accusato di aggressione alla colf: "Da sette anni...

Gigi D'Alessio, il figlio accusato di aggressione alla colf: "Da sette anni a processo per un livido"

Il primogenito di Gigi D'Alessio, Claudio D'Alessio, è accusato di aver aggredito la sua domestica, una donna di nazionalità ucraina

Claudio D'Alessio, primogenito del cantautore napoletano Gigi D'Alessio, è tuttora accusato di aver aggredito la propria colf. Il 35enne si è detto stanco di dover aspettare i tempi della giustizia e ha minimizzato le sue responsabilità.

"Non ho alcun interesse a rinviare il processo perché ogni volta che è fissata un'udienza subisco diffamazioni che hanno ripercussioni sotto l'aspetto professionale. Da sette anni si sta facendo processo per un livido dietro ad braccio", ha detto Claudio D'Alessio durante il processo che lo vede imputato per l'aggressione avvenuta nella sua abitazione al quartiere Parioli di Roma: "Non ho interesse a rinviare l'udienza. Non ho mai avuto un confronto con la signora e mi piacerebbe averlo. Non ne posso più".

Il figlio di Gigi D'Alessio è accusato di aver aggredito la sua domestica, una donna di nazionalità ucraina. Il Covid e i rinvii dovuti alle mancate comparizioni di alcuni testimoni hanno allungato il processo fino ad avvicinarlo alla data entro la quale sarebbe entrata in vigore la prescrizione (22 gennaio 2022) ed è per questo che è la parte civile ha sospettato che i rinvii mirassero ad una strategia difensiva per arrivare a quella data. L'imputato ha voluto, con le sue dichiarazioni spontanee, sostenere invece che i continui rinvii danneggiano la sua immagine.

LEGGI ANCHE...