Vaccini anti-Covid nelle sedi dei musei: “Arte e bellezza per combattere la pandemia”

Il Museo e Real Bosco parteciperà alla campagna di vaccinazione di massa dell'Asl Napoli 1 Centro e della Regione Campania

Foto Facebook Museo e Real Bosco di Capodimonte


Ci sarà anche la Fagianeria del Real Bosco di Capodimonte tra le sedi vaccinali nella città di Napoli. Il Museo e Real Bosco parteciperà alla campagna di vaccinazione di massa dell’Asl Napoli 1 Centro e della Regione Campania. L’iniziativa che coinvolge i luoghi della cultura per combattere il Coronavirus nasce da un’idea del governatore Vincenzo De Luca e prenderà il via dal mese di Marzo.

“Arginare il contagio da Coronavirus nel più breve tempo possibile con la vaccinazione non solo è necessario me è doveroso da parte di tutti. Ecco perché siamo lieti di offrire gli ampi spazi del Real Bosco di Capodimonte per contribuire a questa battaglia sanitaria – afferma il direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger con una nota pubblicata sul profilo facebook del museo partenopeo – E’ necessario che in pochi mesi tutta la città di Napoli possa ricevere la somministrazione del vaccino”.

“L’Asl Napoli 1 Centro su preciso indirizzo del Governo regionale sta lavorando per individuare sedi idonee – aggiunge il direttore generale dell’Asl Napoli Ciro Verdoliva  – a tal proposito abbiamo accolto l’offerta di Capodimonte e stiamo già lavorando per allestire un centro vaccinale che possa garantire la somministrazione di almeno 1.000 vaccini al giorno”.

“Il paesaggio in cui è immerso l’edificio della Fagianeria con le praterie del Real Bosco ci ricorderà che l’unica cosa da cui non dobbiamo aver paura di farci contagiare è l’arte e la bellezza, da sempre formidabili strumenti di cura dell’anima conclude Bellenger.

L’adesione alla campagna vaccinale di massa arriva dopo la riapertura al pubblico del Museo e Real Bosco di Capodimonte del 18 Gennaio, giorno da cui è partita una promozione speciale, ovvero l’inaugurazione della mostra “L’ Ottocento e la pittura di storia: Francesco Jacovacci” a cura di Maria Tamajo Contarini realizzata con il contributo dell’associazione Amici di Capodimonte, la musica del Maestro Ruggiero e le performance della Compagnia Arcoscenico a cura d Museo di Capodimonte.