Il Barone, al Sud l'ulivo monumentale che ha oltre 2.000 anni

Al Sud la coltivazione dell'ulivo trova terra fertile in tantissime riserve naturali. Una di quelle più rinomate è sicuramente la Puglia, da sempre favorita per la presenza di terreni leggeri e sassosi. In più di un'occasione vi abbiamo parlato di alberi misteriosi, millenari, e particolarmente suggestivi che è possibile ammirare nel Meridione, come l'ulivo pensante, chiamato così perché il suo tronco sembra raffigurare il volto di un uomo.

Questo albero particolarissimo si trova a Ginosa, in provincia di Taranto, ed è tutelato dal comitato di Ginosa per il Parco Naturale Regionale delle Gravine Joniche, che ha deciso di non rivelare il luogo preciso in cui si trova questo albero per evitare atti vandalici. Addirittura, alcuni avevano dubitato dell’esistenza e veridicità di questo albero, ma la conferma della sua esistenza è arrivata più volte direttamente dai responsabili del Parco.

Tra gli ulivi più maestosi e pregiati al Sud troviamo anche il Barone di Manduria, uno degli esemplari più grandi che possiamo ammirare in terra pugliese. L'albero ha oltre 2.000 anni e si trova a Manduria a due passi dalle bellissime località costiere di Punta Prosciutto e Torre Colimena, all'interno della Masseria Fellicchie della famiglia Basile: un vero e proprio monumento naturale caratterizzato da una folta chioma e da lineamenti molto eleganti.

L'ulivo millenario è tutelato dall'associazione "Millenari di Puglia",  che si occupa della promozione e valorizzazione della nostre terre. La stessa associazione ha inserito il Barone di Manduria tra i Giganti di Puglia, un riconoscimento speciale che si tiene ogni anno per premiare un albero secolare diverso: tra i criteri della premiazione troviamo le dimensioni, l'età stimata, lo stato di conservazione, la produzione stimata e il valore estetico, storico e culturale.

"Il Barone", chiamato così proprio per la sua storia e per la sua eleganza, la fa da padrone all'interno di oltre 400 ettari tra altri olivi secolari altrettanto suggestivi che consentono di produrre un olio extravergine di oliva di qualità eccellente. Da Statte fino al Sud della Puglia, l'ulivo ha sempre trovato il suo habitat naturale, non a caso la regione meridionale può vantare questo primato da sempre.