Coronavirus, la Francia celebra Ascierto: è considerato “eroe dei due mondi”

In Francia il dottor Ascierto è considerato l'eroe dei due mondi

Dottor Paolo Ascierto
Foto Facebook Paolo Ascierto


In Italia l’epidemia del Coronavirus sta lentamente migliorando, soprattutto al Sud, dove i contagi sono sempre più ridotti, così come è diminuito il ricorso alla terapia intensiva. Dal 4 maggio è iniziata la Fase 2, con molti lavoratori tornati nei loro uffici e alcune attività commerciali riaperte, con l’obbligo ovviamente di rispettare tutte le norme di sicurezza necessarie.

Però, anche se i cittadini hanno ripreso possesso di una parte della loro libertà, l’uscita completa dal tunnel è ancora lontana. La Lombardia è ancora piena di casi e il numero dei decessi è ancora alto. Secondo alcuni virologi o epidemiologici, il caldo potrebbe essere un fattore positivo per la distruzione del virus, o almeno per il suo indebolimento.

Intanto, dalla Francia, arrivano nuove conferme positive sul farmaco sperimentato dal dottor Ascierto a Napoli, il Tocilizumab, utilizzato solitamente per il trattamento dell’artrite reumatoide. La “cura Ascierto”, come molti l’hanno definita, visto che il medico napoletano per primo l’ha testata in Italia ottenendo l’ok dell’Aifa, sta dando buoni risultati anche all’ospedale Foch, a Suresnes, dove viene utilizzato ormai da alcune settimane. Stando alle notizie in possesso dell’Istituto per la cura dei tumori di Napoli, i primi riscontri sono stati ottimi.

In Francia, infatti, il dottor Ascierto sarebbe diventato una specie di mito, tanto che il direttore della medicina interna dell’ospedale Foch, tra i più importanti in Francia, avrebbe contattato il Pascale di Napoli proprio per avviare una collaborazione.

In territorio francese la sperimentazione del farmaco è avvenuta in 13 ospedali, ottenendo grandi risultati su circa 450 pazienti.

Come riportato da Enrico Nappi sul “NuovoMonitoreNapoletano.it, un sito francese definisce Ascierto come il nuovo eroe dei due mondi: “Le docteur napolitain Paolo Ascierto, le nouveau hèros des duex mondes!. E aggiungono: “E’ strano che un paese come l’Italia abbia sottovalutato i risultati di questa eccellente intuizione nata in un presidio ospedaliero della città di Napoli già noto per il suo livello di assistenza ai pazienti oncologici”.

Stando alle ultime notizie provenienti Parigi, lo studio sul Tocilizumab verrà pubblicato settimana prossima, e se l’esito verrà confermato, il protocollo sarà spedito al Ministero della salute Francese per essere diffuso come protocollo sanitario nazionale.

ULTIMO AGGIORNAMENTO